Ultime notizie :

MESSAGGIO DI CHARIS IN PREPARAZIONE ALLA PENTECOSTE 2020   

LA RISURREZIONE … LA VITA CONTINUA LA SUA PRIMAVERA   

LA RISURREZIONE È LA VOCAZIONE DELL’UOMO    

Mons. Biraghi e la fede in tempo di epidemia   

ESERCIZI SPIRITUALI QUOTIDIANI ON LINE   

LA SANTA MESSA CON CONCORSO DI POPOLO A CERNUSCO. NUMERI E CONSIDERAZIONI   

DA DON ANDREA CITTERIO L’INVITO A RISPONDERE ALL’APPELLO DI “OPERAZIONE MATO GROSSO”: SERVONO ALIMENTARI !   

A PROPOSITO DI… ORATORIO ESTIVO 2020    

CARO SERGIO, DON CARLO TRADATI È RITORNATO OPERAIO...    

ACCOMPAGNIAMO I NOSTRI FRATELLI DEFUNTI. AGGIORNAMENTO AL 16 MAGGIO   

EVANGELIZZARE CON LA LEGGEREZZA DELLO SPIRITO   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

OSPEDALE UBOLDO: RACCOLTA FONDI PER DUE NUOVI POSTAZIONI IN TERAPIA INTENSIVA   

CORONAVIRUS: VENTI I CASI A CERNUSCO, OGGI IL PRIMO DECESSO   

SAN SEBASTIANO. FESTA DELLA POLIZIA LOCALE, OCCASIONE PER CONOSCERE LA LORO ATTIVITA’   

DON LUCIANO: GIUGNO “AD MULTOS ANNOS!”   

“IO SONO LA LUCE DEL MONDO”. LA PRESENZA DI GESU’ ILLUMINA I NOSTRI CUORI   

S. ROSARIO MESE DI MAGGIO, NEI CORTILI TUTTE LE SERE ALLE 20.30   

DON LUCIANO: LA SPERANZA NON È LA STESSA COSA DELL’OTTIMISMO   

“DIO AIUTI I GOVERNANTI, SIANO UNITI NEI MOMENTI DI CRISI PER IL BENE DEI POPOLI”   

EMERGENZA CORONAVIRUS, LE COMUNICAZIONI DAL COMUNE   

V Domenica dopo l´Epifania   

Presentazione del Signore   

S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe   

Giovedì 4 Giugno

“IL CRISTIANO NON PUÒ CONVIVERE CON LO SPIRITO DEL MONDO”

Al termine della Via Crucis serale del terzo venerdì di Quaresima, nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe Lavoratore, il prevosto ha messo in guardia dal “pericolo della mondanità”.

Chiesa parrocchiale San Giuseppe Lavoratore

“La Chiesa siamo tutti! Tutti! Dal primo battezzato, tutti siamo Chiesa, e tutti dobbiamo andare per la strada di Gesù, che ha percorso una strada di spogliazione, Lui stesso. E’ diventato servo, servitore; ha voluto essere umiliato fino alla Croce. E se noi vogliamo essere cristiani, non c’è un’altra strada. Ma non possiamo fare un cristianesimo un po’ più umano – dicono – senza croce, senza Gesù, senza spogliazione? In questo modo diventeremo cristiani di pasticceria, come belle torte, come belle cose dolci! Bellissimo, ma non cristiani davvero! Qualcuno dirà: ‘Ma di che cosa deve spogliarsi la Chiesa?’. Deve spogliarsi oggi di un pericolo gravissimo, che minaccia ogni persona nella Chiesa, tutti: il pericolo della mondanità. Il cristiano non può convivere con lo spirito del mondo. La mondanità che ci porta alla vanità, alla prepotenza, all’orgoglio. E questo è un idolo, non è Dio. E’ un idolo! E l’idolatria è il peccato più forte!” (Papa Francesco, Assisi, 4 ottobre 2013)

Al termine della Via Crucis serale del terzo venerdì di Quaresima, nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe Lavoratore, il prevosto, don Luciano Capra, nella sua riflessione finale ha ripreso e commentato quanto detto da Papa Francesco ad Assisi nel 2013, sopra riportato.

“La Chiesa non è solo il Papa, i vescovi e i preti. La Chiesa siamo tutti noi battezzati – ha sottolineato don Luciano - ciascuno nel ruolo che occupa, nel compito che ha.” Il Papa ci invita a spogliarci, ma “di che cosa dobbiamo spogliarci? Ciascuno di noi deve spogliarsi di un pericolo gravissimo, che minaccia ogni persona della Chiesa: il pericolo della mondanità spirituale.” Una “malattia che attacca noi cosiddetti vicini” e che ci porta a “ragionare secondo la mentalità del mondo e non con la mentalità e il pensiero di Cristo.”

“Come si fa a capire quando uno ragiona con la mentalità del mondo?” Ce lo spiega bene il Papa: “la mondanità del mondo ci porta alla vanità, alla prepotenza e all’orgoglio”. Il prevosto riflette: “in ogni peccato c’è dentro l’orgoglio, cioè il fare di testa nostra, il crederci migliori degli altri, l’avere sempre da insegnare agli altri, il credere di essere noi più liberi degli altri.” Per sottrarci a questa malattia – è l’invito finale di Don Luciano - “dobbiamo chiedere allo Spirito Santo di liberarci da questa mondanità, di mettere dentro di noi un cuore libero che ci permetta di porci sempre più in ascolto di Cristo e di vivere secondo il suo Vangelo”.

Cernusco sul Naviglio, 30 marzo 2019