Ultime notizie :

LA RISURREZIONE … LA VITA CONTINUA LA SUA PRIMAVERA   

LA RISURREZIONE È LA VOCAZIONE DELL’UOMO    

Mons. Biraghi e la fede in tempo di epidemia   

IL GIOCO DELLA RISURREZIONE   

DA DON ANDREA CITTERIO L’INVITO A RISPONDERE ALL’APPELLO DI “OPERAZIONE MATO GROSSO”: SERVONO ALIMENTARI !   

A PROPOSITO DI… ORATORIO ESTIVO 2020    

CARO SERGIO, DON CARLO TRADATI È RITORNATO OPERAIO...    

ACCOMPAGNIAMO I NOSTRI FRATELLI DEFUNTI. AGGIORNAMENTO AL 16 MAGGIO   

DA LUNEDI´ 18 MAGGIO SI POTRA´ TORNARE A MESSA   

L’ARCIVESCOVO: «RIPARTIAMO CON DETERMINAZIONE, GRADUALITÀ E PRUDENZA»    

SERVI INUTILI, NON SERVI DELL’UTILE    

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

OSPEDALE UBOLDO: RACCOLTA FONDI PER DUE NUOVI POSTAZIONI IN TERAPIA INTENSIVA   

CORONAVIRUS: VENTI I CASI A CERNUSCO, OGGI IL PRIMO DECESSO   

SAN SEBASTIANO. FESTA DELLA POLIZIA LOCALE, OCCASIONE PER CONOSCERE LA LORO ATTIVITA’   

S. ROSARIO MESE DI MAGGIO, NEI CORTILI TUTTE LE SERE ALLE 20.30   

DON LUCIANO: LA SPERANZA NON È LA STESSA COSA DELL’OTTIMISMO   

CHE GIOIA! DON LUCA RAIMONDI SARÀ PRESTO ORDINATO VESCOVO    

MAGGIO, MESE MARIANO   

“DIO AIUTI I GOVERNANTI, SIANO UNITI NEI MOMENTI DI CRISI PER IL BENE DEI POPOLI”   

EMERGENZA CORONAVIRUS, LE COMUNICAZIONI DAL COMUNE   

V Domenica dopo l´Epifania   

Presentazione del Signore   

S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe   

Mercoledì 27 Maggio

VENERDÌ 22 MARZO, VIA CRUCIS CON L’ARCIVESCOVO A CUSANO MILANINO

«E noi vedemmo la sua gloria», citazione del Vangelo di Giovanni (1,14), è il tema della Via Crucis che l’arcivescovo guiderà durante la Quaresima ambrosiana nelle sette Zone pastorali della Diocesi.

Via Crucis 2018 con l’Arcivescovo

Per la nostra Zona pastorale, l’Arcivescovo presiederà la celebrazione della Via Crucis venerdì 22 marzo a Cusano Milanino, con partenza alle 20.45 dalla chiesa di Regina Pacis. Nell’anno in cui monsignor Delpini invita le comunità cristiane e i singoli fedeli a riscoprire i salmi, come strumento di preghiera di ogni giorno, il libretto preparato per questa celebrazione (‘E noi vedemmo la sua gloria’, Centro Ambrosiano, 56 pagine, 2,70 euro, per acquistarlo cliccare qui) propone per le diverse stazioni della Via Crucis alcuni versetti dei salmi, dei testi biblici tratti dal Nuovo Testamento e delle preghiere di santi e pontefici.

«Come si può raccontare una storia, una vita? Come si può raccontare del dramma del giusto ingiustamente condannato, dell’uomo mite vigliaccamente trattato con violenza, dell’uomo buono sul quale ha infierito la cattiveria, dell’uomo sincero screditato da false testimonianze?». Sono le domande che si è posto monsignor Delpini nell’omelia che ha concluso a Milano, lo scorso 15 marzo, la prima Via Crucis di quest’anno nelle zone pastorali della diocesi.

«Si può raccontare la storia di Gesù e tante storie di crudeltà e di violenza – ha aggiunto l’Arcivescovo - come si racconta una cronaca, con il distacco del cronista, con la banalità, con la superficialità sbrigativa di chi cerca un titolo ad effetto; si può ascoltare il racconto, con il distacco e l’indifferenza di chi segue il notiziario». Ma si può parlare di tutto questo – ha proseguito monsignor Delpini -, anche «con il grido della protesta, con la parola aspra della denuncia, con il risentimento che muove alla rivolta, con la ribellione che vuole contestare il potere e la vigliaccheria del forte che opprime il debole».

Si può entrare «in questa storia tutta sbagliata e tragica», chiedendo rabbiosamente “perché?” e chiamando, come sempre, in causa Dio. E, poi, si può, invece, pregare. «Noi abbiamo scelto di entrare nella storia di Gesù con le parole dei Salmi – ha spiegato l’Arcivescovo - e abbiamo ritenuto che il modo più penetrante e più vero, il percorso più intelligente e più necessario, fosse la via della preghiera». Quella, appunto, dei Salmi che, scritti dal popolo di Israele «per raccontare la sua storia come storia di salvezza, sono stati raccolti dalla Chiesa per interpretare la storia di Gesù e la propria storia come storia della fedeltà di Dio alle sue promesse».

«Nella storia tribolata dell’umanità – evidenzia monsignor Delpini - la preghiera è una via di sapienza ed è pedagogia della speranza che trasforma il grido di dolore, la voce della protesta, l’interrogativo inquietante, nell’affidamento alla potenza di Dio che trae dal male il bene e, dalla morte, la vita». «La preghiera è esperienza di fraternità ed esercizio di trasfigurazione: chi prega con il Salmista, condivide con i fratelli e le sorelle il cammino verso il Monte di Dio, compie il pellegrinaggio che fa crescere lungo cammino il suo vigore». (Fonte: www.chiesadimilano.it)

Cernusco sul Naviglio, 18 marzo 2019