Venerdì 1 Marzo

NELLA SEMPLICITÀ DEL PRESEPIO, INCONTRIAMO LA TENEREZZA DI DIO

Dal 25 dicembre sarà aperta la “Mostra dei presepi” al Santuario di Santa Maria, giunta quest’anno alla trentesima edizione. Meritano una visita anche i presepi allestiti nelle altre chiese cittadine.


Presepio 2016 in chiesa prepositurale

Quest’anno la “Mostra dei presepi” al Santuario di Santa Maria segna un significativo anniversario: è, infatti, giunta alla trentesima edizione. Un traguardo che forse don Paolo Comi, allora cappellano dell’Ospedale Uboldo e promotore dell’iniziativa, insieme ad un ristretto numero di appassionati cernuschesi dell’arte presepistica, non immaginava neppure. La mostra, organizzata dalla locale Associazione Amici del Presepio, sarà aperta dal 25 dicembre al 7 gennaio 2018, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 18.

Meritano una visita anche i presepi allestiti nelle altre chiese cittadine, compresa quella di Ronco. Per gli orari di visita, occorre attenersi a quelli previsti per le celebrazioni. Senza dimenticare poi il presepe galleggiante, nella vasca piccola della piscina del Centro sportivo don Gnocchi di via Manzoni.

Il presepe e l’albero di Natale “sono i segni della compassione del Padre celeste, della sua partecipazione e vicinanza all’umanità, che sperimenta di non essere abbandonata nella notte dei tempi, ma visitata e accompagnata nelle proprie difficoltà”. Lo ha detto il Papa lo scorso 7 dicembre ricevendo in udienza le delegazioni che hanno donato l’albero di Natale e il presepio allestiti quest’anno in piazza San Pietro. “L’albero proteso verso l’alto – ha spiegato Francesco a proposito dei simboli natalizi – ci stimola a protenderci verso i doni più alti a innalzarci al di sopra delle nebbie che offuscano, per sperimentare quanto è bello e gioioso essere immersi nella luce di Cristo.”

“Nella semplicità del presepio – ha proseguito Papa Francesco - noi incontriamo e contempliamo la tenerezza di Dio, manifestata in quella del Bambino Gesù”. Il presepe - ha aggiunto il Papa - “è il luogo suggestivo dove contempliamo Gesù che, assumendo su di sé le miserie dell’uomo, ci invita a fare altrettanto, attraverso azioni di misericordia”.

Cernusco sul Naviglio, 19 dicembre 2017