Ultime notizie :

LA RISURREZIONE … LA VITA CONTINUA LA SUA PRIMAVERA   

LA RISURREZIONE È LA VOCAZIONE DELL’UOMO    

Mons. Biraghi e la fede in tempo di epidemia   

IL GIOCO DELLA RISURREZIONE   

DA DON ANDREA CITTERIO L’INVITO A RISPONDERE ALL’APPELLO DI “OPERAZIONE MATO GROSSO”: SERVONO ALIMENTARI !   

A PROPOSITO DI… ORATORIO ESTIVO 2020    

CARO SERGIO, DON CARLO TRADATI È RITORNATO OPERAIO...    

ACCOMPAGNIAMO I NOSTRI FRATELLI DEFUNTI. AGGIORNAMENTO AL 16 MAGGIO   

DA LUNEDI´ 18 MAGGIO SI POTRA´ TORNARE A MESSA   

L’ARCIVESCOVO: «RIPARTIAMO CON DETERMINAZIONE, GRADUALITÀ E PRUDENZA»    

SERVI INUTILI, NON SERVI DELL’UTILE    

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

OSPEDALE UBOLDO: RACCOLTA FONDI PER DUE NUOVI POSTAZIONI IN TERAPIA INTENSIVA   

CORONAVIRUS: VENTI I CASI A CERNUSCO, OGGI IL PRIMO DECESSO   

SAN SEBASTIANO. FESTA DELLA POLIZIA LOCALE, OCCASIONE PER CONOSCERE LA LORO ATTIVITA’   

S. ROSARIO MESE DI MAGGIO, NEI CORTILI TUTTE LE SERE ALLE 20.30   

DON LUCIANO: LA SPERANZA NON È LA STESSA COSA DELL’OTTIMISMO   

CHE GIOIA! DON LUCA RAIMONDI SARÀ PRESTO ORDINATO VESCOVO    

MAGGIO, MESE MARIANO   

“DIO AIUTI I GOVERNANTI, SIANO UNITI NEI MOMENTI DI CRISI PER IL BENE DEI POPOLI”   

EMERGENZA CORONAVIRUS, LE COMUNICAZIONI DAL COMUNE   

V Domenica dopo l´Epifania   

Presentazione del Signore   

S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe   

Giovedì 28 Maggio

ALZIAMO GLI OCCHI AL CIELO

La nascita del Verbo di Dio e la sua manifestazione come Salvatore di tutte le genti è l’evento che sta al centro dei misteri celebrati durante i tre tempi liturgici che ci apprestiamo a vivere: Avvento, Natale e dopo l’Epifania. Lasciandoci guidare dalla Parola di Dio, verso il mistero dell’incarnazione del Signore. L’espressione “in illo tempore” evoca tutta la storia che ha preparato la salvezza, una storia scritta da quella stessa Parola, viva e creativa, che, con pazienza ha educato l’uomo a riconoscere il volto di Dio che a lui si rivelava nella quotidianità degli eventi, una storia che continua, della quale non siamo padroni, ma ospiti. È in questa storia che Dio ha mandato il profeta, l’uomo che parla in suo nome e annuncia.

L’avvento è il tempo della profezia e racconta una storia di esodo, di un cammino che ci invita ad uscire da langhe di schiavitù e di morte, verso terre di libertà e di vita. E lui, il profeta, è l’immagine stessa di Israele, metafora dell’individuo che non si ferma e continuamente ricerca il compimento della storia, il compimento della propria vita, ricerca un po' di sapienza. La storia che ci ha preceduto è ora giunta al tempo del suo compimento: Verbum caro factum estNelle tenebre del mondo, nel mistero dell’iniquità del mondo, è apparsa una luce, il Verbo si è fatto carne. “Un bambino è nato per noi”, dirà il profeta. Dall’antico al nuovo, un bambino, una novità è consegnata a noi, non ci è consegnata una cosa vecchia, ma una novità. È una luce, improvvisa e intensa che irrompe per farci da stella, da guida, per aiutarci a riconoscere il “Dono”. Al suo brillare tutta la creazione assume una nuova forma. È il compimento di tutto il creato, di ogni terra, di ogni popolo, per tutte le genti, nessuno è escluso da questo compimento, da questa vicenda, tutto il creato è cambiato, il mondo intero esulta di gioia. Allora, lasciamoci veramente guidare, all’inizio di questo cammino di avvento dalla grande suggestione della parola che ci viene donata anche in questa domenica, parola che parla della storia di questo creato, che dice la sofferenza del male, dell’odio, delle guerre. “L’iniquità del mondo raffredderà l’amore di molti” dice il vangelo.

Quindi la storia ci racconta anche dell’amore che si raffredda per l’iniquità del mondo, per l’iniquità delle tenebre. Il male che facciamo e incontriamo non ci lascia indifferenti, il male raffredda la nostra fede. Ecco perché c’è sempre bisogno di esercizi di bene. Abbiamo bisogno di esercizi di bene per contrastare questo mistero che c’è, esiste, indipendentemente da tutto. Ma per coloro che avranno perseverato fino in fondo, sarà la salvezza. Come facciamo a perseverare davanti all’iniquità del mondo? Ci vengono in aiuto le letture che abbiamo ascoltato, primo fra tutti Isaia, il grande profeta, che ce lo ricorda ad alta voce: “Alzate gli occhi al cielo, perché c’è una salvezza per tutte le generazioni!” In primo luogo perseveranza è alzare lo sguardo in alto. Non si può perseverare nella fatica dell’oggi senza una speranza nel cuore, senza uno sguardo capace di non farsi imprigionare da tante cose e di cercare sempre il cielo.

Al di là delle nostre piccole o grandi beghe quotidiane che ci incattiviscono, ci intristiscono, c’è un vasto orizzonte verso il quale puntare lo sguardo. Guai a fidarci di ciò che ci circonda, guardiamo in alto! San Paolo ci dice: “Rendete sempre grazie al Signore!” Perseverare vuol dire rendere sempre grazie al Signore. Essere cristiani significa questo: essere perseveranti nel rendere grazie e nel raccontare buone notizie al mondo. Un bimbo è nato per noi. L’iniquità del mondo la si vince con la tenerezza, l’iniquità del mondo la si supera col rendere grazie. Questo è l’avvento più bello che possiamo fare. Impariamo ogni giorno a rendere grazie dentro le fatiche del quotidiano: questa è la luce che siamo chiamati a testimoniare. È così che il Signore ci induce ad iniziare bene questo cammino di avvento, questo passaggio dalle tenebre alla luce.


(Tratto dall’omelia della prima domenica di Avvento di don Andrea Andreis, parroco nella chiesa della Beata Vergine Assunta, Seggiano di Pioltello (MI) ).