Ultime notizie :

LA RISURREZIONE … LA VITA CONTINUA LA SUA PRIMAVERA   

LA RISURREZIONE È LA VOCAZIONE DELL’UOMO    

Mons. Biraghi e la fede in tempo di epidemia   

IL GIOCO DELLA RISURREZIONE   

DA DON ANDREA CITTERIO L’INVITO A RISPONDERE ALL’APPELLO DI “OPERAZIONE MATO GROSSO”: SERVONO ALIMENTARI !   

A PROPOSITO DI… ORATORIO ESTIVO 2020    

CARO SERGIO, DON CARLO TRADATI È RITORNATO OPERAIO...    

ACCOMPAGNIAMO I NOSTRI FRATELLI DEFUNTI. AGGIORNAMENTO AL 16 MAGGIO   

DA LUNEDI´ 18 MAGGIO SI POTRA´ TORNARE A MESSA   

L’ARCIVESCOVO: «RIPARTIAMO CON DETERMINAZIONE, GRADUALITÀ E PRUDENZA»    

SERVI INUTILI, NON SERVI DELL’UTILE    

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

OSPEDALE UBOLDO: RACCOLTA FONDI PER DUE NUOVI POSTAZIONI IN TERAPIA INTENSIVA   

CORONAVIRUS: VENTI I CASI A CERNUSCO, OGGI IL PRIMO DECESSO   

SAN SEBASTIANO. FESTA DELLA POLIZIA LOCALE, OCCASIONE PER CONOSCERE LA LORO ATTIVITA’   

S. ROSARIO MESE DI MAGGIO, NEI CORTILI TUTTE LE SERE ALLE 20.30   

DON LUCIANO: LA SPERANZA NON È LA STESSA COSA DELL’OTTIMISMO   

CHE GIOIA! DON LUCA RAIMONDI SARÀ PRESTO ORDINATO VESCOVO    

MAGGIO, MESE MARIANO   

“DIO AIUTI I GOVERNANTI, SIANO UNITI NEI MOMENTI DI CRISI PER IL BENE DEI POPOLI”   

EMERGENZA CORONAVIRUS, LE COMUNICAZIONI DAL COMUNE   

V Domenica dopo l´Epifania   

Presentazione del Signore   

S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe   

Mercoledì 27 Maggio

“CON I PIEDI PER TERRA”

La ‘Via Crucis’ preparata dai ragazzi delle medie della nostra comunità pastorale si è svolta venerdì sera, 5 aprile, partendo dal parco di Via Buonarroti per arrivare al Santuario di Santa Maria

Foto di G. Melzi

Molte le ragazze e i ragazzi, accompagnati dalle loro famiglie, insieme con altri adulti della comunità: per tutti, è stata l’occasione per vivere “una Via Crucis vista dai piedi di Gesù, quei piedi che ti permettono di vedere le cose dal basso, quei piedi che sono rimasti sempre a terra, sempre in cammino per correre verso tutta l’umanità, soprattutto quella più sofferente. Piedi per terra come quelli di Gesù, sempre, tranne che nel momento in cui sono stati inchiodati sulla croce. In quel momento, l’affidamento al Padre è stato completo e Gesù non ha potuto che rivolgere lo sguardo al Cielo, invocando il perdono per tutti noi”.

Camminando lungo l’alzaia del naviglio, a ogni stazione della ‘Via Crucis’ il breve passo di Vangelo è stato accompagnato da un pensiero per la riflessione: semplice - così che i ragazzi potessero comprenderlo - ma non per questo banale e ancor più incisivo per gli adulti.

Al canto si è alternato il silenzio, tempo prezioso e sempre più difficile da ritagliare durante la giornata. Infine, davanti all’Addolorata, che è stata ai piedi di Gesù sotto la croce, la recita della preghiera a conclusione del cammino:

“Signore Gesù,

è proprio vero che se impariamo a guardare in basso,

dove i nostri piedi camminano,

Tu alzi il nostro sguardo

e tutto sembra più chiaro e luminoso.

Signore, insegnaci a stare con i piedi per terra,

mentre, ancora una volta, tu ci mostrerai il Cielo.

Perché è per questo che ci hai voluto:

per essere segni del tuo amore,

con i nostri fratelli, nella comunità di chi crede in te.

Insieme speriamo che un nuovo giorno

sia sempre possibile per tutti.

É per questo che siamo chiamati all’amore,

per portare il tuo amore agli altri.

Con Te, di nuovo, ci mettiamo in cammino.

Di te, Gesù risorto,

vogliamo essere discepoli e testimoni.

Amen.”

Cernusco sul Naviglio, 6 aprile 2019