Ultime notizie :

LA RISURREZIONE … LA VITA CONTINUA LA SUA PRIMAVERA   

LA RISURREZIONE È LA VOCAZIONE DELL’UOMO    

Mons. Biraghi e la fede in tempo di epidemia   

IL GIOCO DELLA RISURREZIONE   

DA DON ANDREA CITTERIO L’INVITO A RISPONDERE ALL’APPELLO DI “OPERAZIONE MATO GROSSO”: SERVONO ALIMENTARI !   

A PROPOSITO DI… ORATORIO ESTIVO 2020    

CARO SERGIO, DON CARLO TRADATI È RITORNATO OPERAIO...    

ACCOMPAGNIAMO I NOSTRI FRATELLI DEFUNTI. AGGIORNAMENTO AL 16 MAGGIO   

DA LUNEDI´ 18 MAGGIO SI POTRA´ TORNARE A MESSA   

L’ARCIVESCOVO: «RIPARTIAMO CON DETERMINAZIONE, GRADUALITÀ E PRUDENZA»    

SERVI INUTILI, NON SERVI DELL’UTILE    

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

OSPEDALE UBOLDO: RACCOLTA FONDI PER DUE NUOVI POSTAZIONI IN TERAPIA INTENSIVA   

CORONAVIRUS: VENTI I CASI A CERNUSCO, OGGI IL PRIMO DECESSO   

SAN SEBASTIANO. FESTA DELLA POLIZIA LOCALE, OCCASIONE PER CONOSCERE LA LORO ATTIVITA’   

S. ROSARIO MESE DI MAGGIO, NEI CORTILI TUTTE LE SERE ALLE 20.30   

DON LUCIANO: LA SPERANZA NON È LA STESSA COSA DELL’OTTIMISMO   

CHE GIOIA! DON LUCA RAIMONDI SARÀ PRESTO ORDINATO VESCOVO    

MAGGIO, MESE MARIANO   

“DIO AIUTI I GOVERNANTI, SIANO UNITI NEI MOMENTI DI CRISI PER IL BENE DEI POPOLI”   

EMERGENZA CORONAVIRUS, LE COMUNICAZIONI DAL COMUNE   

V Domenica dopo l´Epifania   

Presentazione del Signore   

S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe   

Giovedì 28 Maggio

IL PREVOSTO, “FRANCESCO CI HA INSEGNATO A SERVIRE”. IL SINDACO, “GENEROSO VOLONTARIO”

Vasto cordoglio per la tragica morte di Francesco Alberti, classe 1948. Travolto da un’auto in via Adua, è morto due giorni dopo. Individuato l’automobilista colpevole, che non si era fermato a prestargli soccorso.

Ieri sera tantissima gente si è ritrovata in oratorio Sacer a recitare il rosario per Francesco Alberti. Il ciclista travolto nella serata di sabato scorso in via Adua da un auto, il cui conducente non si era poi fermato a prestargli soccorso. Francesco è stato un prezioso e assiduo collaboratore della Parrocchia, dell’oratorio Sacer e dell’Oasi di preghiera. Molto conosciuto e ammirato da tutti, perché sempre pronto ad aiutare chi ne avesse bisogno, a testimoniarlo anche il suo impegno in Croce Bianca e all’Avo, volontari ospedalieri. È stato investito mentre stava rientrando a casa, dopo aver preparato il falò in oratorio, dove sarebbe dovuto poi ritornare, atteso dagli amici per la cena. Invece, la sua vita è stata tragicamente spezzata, lasciando grande sgomento.

Don Luciano, introducendo la recita del rosario – nella cappellina dell’oratorio Sacer, dove il collaboratore era solito trovarsi con un gruppo di persone ogni martedì sera per pregare la corona dei cinque misteri - ha ricordato che Francesco rimane per tutta la Comunità un esempio di che cosa significa servire, del come servire e di Chi servire. Quando, nella vita si incontrano persone come Francesco – ha aggiunto il prevosto - bisogna prima di tutto essere grati al Signore per avercele fatte incontrare e per aver percorso con loro un tratto di strada. Certo rimane il dolore per la perdita improvvisa, ma la fede offre la certezza che chi ci ha lasciato gode già della vita eterna. Don Luciano ha poi aggiunto che è grazie a persone come Francesco si possono costruire Comunità aperte ed accoglienti, capaci di scaldare il cuore della gente.

La grande stima di cui era circondato Francesco Alberti, classe 1948, è testimoniata, oltre che dalla numerosa partecipazione di Cernuschesi al rosario di ieri sera, anche dalle vaste reazioni registrate sui social, di cui pure la nostra pagina facebook è testimone.

Anche il Sindaco Ermanno Zacchetti, ha reso omaggio, a nome della città, a Francesco: “generoso e conosciuto volontario dell’associazionismo cernuschese e dell’oratorio Sacer”, aggiungendo poi che, in questa tragica circostanza “è la nostra intera comunità cittadina che prova a farsi forza e si fa vicina (alla famiglia della vittima), una vicinanza sincera per sentirci comunità anche in momenti così drammatici”.

Sul lato delle indagini – come ha informato l’amministrazione comunale, con un apposito comunicato stampa – “gli agenti hanno subito rilevato le tracce sul posto che potevano aiutarli a individuare il conducente dell’auto e raccolto le testimonianze dei residenti della zona che si sono messi a disposizione anche contattando nelle ore successive la Polizia Locale per fornire il proprio aiuto. I vigili hanno quindi visionato le immagini delle telecamere, sia del sistema di sorveglianza comunale poste ai varchi della città recentemente aggiornate con un nuovo sistema, che delle telecamere di sicurezza delle case in prossimità del luogo dell’incidente. Grazie a questo intenso e tempestivo lavoro di indagine gli agenti sono entrati in possesso di importanti elementi investigativi riuscendo, nella serata di domenica scorsa, a risalire al conducente dell’auto che è stato individuato presso la sua abitazione e denunciato a piede libero con l’accusa di omissione di soccorso e lesioni personali gravi” (accusa che adesso muterà a seguito della morte del ciclista).

Al momento non è ancora stata fissata la data del funerale di Francesco Alberti, dovendo aspettare le decisioni della magistratura.

Cernusco sul Naviglio, 23 gennaio 2019