Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

MERCOLEDI’ 1 MAGGIO, FESTA PATRONALE DI S. GIUSEPPE LAVORATORE   

DON SANDRO SPINELLI CITTADINO ONORARIO DI TERESINA   

SABATO 6 APRILE, "PORTE APERTE" IN BOUTIQUE!   

Estate a Bolbeno, prenotazioni dal 18 marzo   

FIERA DI SAN GIUSEPPE. SI MANGIA IN ORATORIO!   

PROFESSIONE PERPETUA NELL´ORDINE AGOSTINIANO DEL CERNUSCHESE P. GENNARO LIONE   

EMERGENZA TERRA SANTA - Un appello di Caritas   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, LA PROPOSTA 2023/24   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, LA PROPOSTA 2023/24   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

ISCRIZIONI ORATORIO ESTIVO 2024   

SETTIMANA SANTA 2024 A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

QUARESIMA 2024   

PREGA, CONFIDA E SPERA. 100° DALL APPARIZIONE DELLA B.V. MARIA A CERNUSCO   

Santuario, approvato il recupero dei decori nascosti per anni    

Don Luciano, Aprile. Come possiamo vivere la Pasqua nella nostra vita quotidiana?   

DON LUCIANO, MARZO. LA QUARESIMA CI PROPONE UN PERCORSO INTERIORE DI CONVERSIONE   

DON LUCIANO, FEBBRAIO: Oggi, dopo 100 anni, la Madonna ci parla ancora   

Don Luciano, gennaio. La fede in Dio torni ad essere centrale nella nostra vita   

Lunedì 15 Aprile

Calcoli (politici) sbagliati sugli aiuti. Le polemiche non danno pane

Non è solo un errore di calcolo (politico). La polemica sui buoni spesa, innescata da alcuni leader del centrodestra e ripetuta a occhi chiusi come un mantra da molti sindaci leghisti, è in realtà un clamoroso autogol. Perché – al di là delle legittime valutazioni sul calo delle entrate dei Comuni e sui loro bilanci in difficoltà – mai come in questo specifico caso il provvedimento è da considerarsi tempestivo e correttamente impostato in chiave sussidiaria.

Non solo, dunque, è sbagliato dividere i 400 milioni di euro per 60 milioni di italiani, come ha fatto per primo Matteo Salvini parlando di 6 o 7 euro a testa, visto che si tratta di «misure urgenti di solidarietà alimentare» evidentemente destinate a chi non ha da mangiare e non indistintamente all’intera platea di connazionali. Ma soprattutto perché così si rischia di perdere una buona occasione per far recuperare ai Comuni quel ruolo centrale nell’intervento a favore dei cittadini che negli ultimi tempi si era andato appannando.

L’ordinanza della Protezione civile con cui si ripartiscono i fondi, infatti, assegna proprio alle amministrazioni locali il compito di individuare le fasce di popolazione bisognose di sostegni alimentari urgenti. Lasciando ampio margine discrezionale agli «Uffici dei servizi sociali» di determinare il contributo ai «nuclei familiari più esposti agli effetti economici dell’emergenza» e a «quelli in stato di bisogno». Con il solo limite, peraltro non tassativo, di dare «priorità a quelli non già assegnatari di sostegno pubblico» e quindi in qualche modo "coperti" da altre tutele come ad esempio il Reddito di cittadinanza.

Non solo, i Comuni per distribuire questi aiuti possono far conto sull’esperienza e la rete degli enti del Terzo settore come ad esempio il Banco alimentare, la Caritas, la San Vincenzo e le mille altre realtà di volontariato cattolico e laico che già in tempi normali si occupano di dare risposta concreta ai bisogni alimentari dei più poveri. Ma non è finita: sempre l’ordinanza della Protezione civile apre alla possibilità di far confluire ai Comuni anche donazioni da parte dei privati, fiscalmente agevolate, per incrementare i fondi a disposizione. Così che, ad esempio, supermercati e negozi di vicinato hanno la possibilità di aggiungere sconti o fornire prodotti per ulteriormente rafforzare gli interventi comunali verso chi, senza lavoro, si trova a non sapere come mettere insieme il pranzo con la cena. E infatti alcune catene della Grande distribuzione organizzata si sono già offerte di aggiungere un ulteriore 10% di sconto a questi buoni spesa comunali finanziati dallo Stato. Anche privati cittadini e aziende possono incrementare i fondi a disposizione dei Comuni con donazioni in denaro, partecipando a una sorta di "spesa sospesa" per chi è stato maggiormente colpito dal blocco delle attività produttive. Insomma, con il provvedimento emergenziale emanato dal governo questa volta è possibile congegnare – senza tanta burocrazia e con ampi margini discrezionali – un’importante operazione "dal basso". Con l’intervento congiunto di pubblico, privato e non profit, cioè la migliore alleanza possibile sui territori per dare risposte concrete ed efficaci a chi si trova anche solo temporaneamente in una condizione di bisogno.

Il sostegno da parte dei Comuni può partire già da oggi, anzi da ieri, ad esempio acquistando carte prepagate dei supermercati (con relativo sconto incorporato) da distribuire attraverso assistenti sociali ed enti di volontariato. Basta che leader e sindaci sappiano fare i calcoli giusti, a favore dei cittadini, e non quelli dettati dalla speculazione politica. Con la quale non si dà buon pane da mangiare ai poveri. Anzi, si rischia d’avvelenarli con polemiche tossiche.

Francesco Riccardi

Da Avvenire, 1 Aprile 2020
Tutti i diritti riservati