Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

Santuario, completata la barriera contro l’umidità    

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, SECONDO INCONTRO   

AVVENTO, le proposte   

GMG LISBONA. Aperte le iscrizioni.   

PREVENIAMO LE TRUFFE, I CARABINIERI INCONTRANO GLI ANZIANI   

Santa Maria: Procedono all’interno i lavori di isolamento e rinforzo delle strutture murarie    

Santuario, invitati alla generosità anche in tempi non facili   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

Ora et Labora - Anche quest’anno in Oasi l’incontro dedicato a quanti nella Comunità pastorale svolgono un servizio per la coppia.    

“QUANDO UNO HA PAURA, INVECE CHE FARE IL SINDACO È MEGLIO CHE FACCIA UN ALTRO MESTIERE”   

PROGETTI SPECIALI PER IL CENTRO SANT’AMBROGIO   

Il Carro di Babbo Natale   

DOMENICA 6/11, INAUGURAZIONE DELLA BOUTIQUE DELLA SOLIDARIETÀ   

Iscrizioni al catechismo 2022/23   

Aggiungi un posto a Tavola 2022/2023: Abitare la Terra guardando il Cielo   

“Santa Maria”, patrimonio di tutti   

Novembre, nel 60° anniversario dell´inizio del Concilio Ecumenico Vaticano II   

DON LUCIANO, OTTOBRE: Essere profeta, testimone e missionario del Signore!   

Don Luciano. Settembre, si riparte. Buon cammino!   

Domenica 15 maggio 2022 - IV Settimana di Pasqua   

Martedì 29 Novembre

GIANNI BORSA: FARSI LE DOMANDE GIUSTE, ALZANDO GLI OCCHI AL CIELO

Gianni Borsa rilegge la proposta pastorale dell’Arcivescovo Mario “Infonda Dio sapienza nel cuore”. Particolarmente significativo ed efficace il sottotitolo: «Si può evitare di essere stolti»

Interrogarsi, porsi le domande giuste, riflettere, confrontarsi con gli altri e, insieme agli altri, alzando lo sguardo al Cielo, costruire il domani con rinnovati impegno e fiducia. La proposta pastorale 2020/2021 “Infonda Dio sapienza nel cuore”, che l’arcivescovo Mario Delpini traccia per la diocesi ambrosiana, rimanda alla sapienza, dunque a un’intelligenza radicata e ispirata. Sullo sfondo traspare, quasi a ogni pagina, il tempo del Covid-19 che ha segnato profondamente l’esistenza di ciascuno, in ogni angolo del pianeta, e che ci consegna oggi una crisi da affrontare con coraggio e determinazione. Siamo sulla stessa barca, occorre remare tutti dalla stessa parte…

Ma, leggendo la lettera del nostro vescovo con gli occhi del comunicatore, trovo assolutamente efficace il sottotitolo: “Si può evitare di essere stolti”. Chiaro, puntuale, va al dunque. Così come era stato lo splendido titolo del Discorso alla città nella festa di Sant’Ambrogio del 2018: “Autorizzati a pensare”.

Non mi addentro – anche per ragioni di spazio e di insufficienti competenze – nell’articolato testo della lettera per l’anno pastorale che ci attende. Mi soffermo invece su questo invito di mons. Delpini a ragionare, a leggere in filigrana il vissuto quotidiano, a cercare chiavi di lettura dei nostri giorni con gli occhi della fede. L’arcivescovo in fin dei conti ci richiama ad essere “discepoli della sapienza” e “con sapienza”; credenti moderni che mentre provano a vivere da cristiani con l’aiuto della Parola e dei sacramenti, stando dentro il tempo e il mondo, condividendo con ogni essere umano la storia nella quale il Signore ci pone. Vi si scorge un filo rosso che parte dal Vangelo, passa per la lettera “A Diogneto”, trova un approdo e un trampolino nel Vaticano II.

Papa Francesco e mons. Delpini richiamano a un “esercizio di docilità allo spirito”, al dialogo fraterno, a valorizzare l’intelligenza umana che, illuminata dalla fede, si predisponga al futuro avendo come riferimento gli insegnamenti del Signore e la “pratica” nella comunità ecclesiale. Insomma, una rinnovata intelligenza pastorale, anche alla luce della tragica esperienza del coronavirus che vogliamo lasciarci alle spalle assumendone però insegnamenti e orientamenti prospettici.

L’arcivescovo di Milano ricorda le recenti parole del Papa alla gente di Lombardia: “La pandemia ha segnato a fondo la vita delle persone e la storia delle comunità”, ora “occorre costruire il domani: esso richiede l’impegno, la forza e la dedizione di tutti”. Facendo tesoro di quanto abbiamo vissuto “potremo uscire da questa crisi spiritualmente e moralmente più forti; e ciò dipende dalla coscienza e dalla responsabilità di ognuno di noi. Non da soli, però, ma insieme e con la grazia di Dio. Come credenti ci spetta testimoniare che Dio non ci abbandona, ma dà senso in Cristo anche a questa realtà e al nostro limite; che con il suo aiuto si possono affrontare le prove più dure. Dio ci ha creato per la comunione, per la fraternità, e ora più che mai si è dimostrata illusoria la pretesa di puntare tutto su se stessi, di fare dell’individualismo il principio-guida della società”.

Questo sguardo credente, che legge la realtà abitandola, si comprende appieno anche con la scelta di proporre in principio le linee pastorali e la prima delle lettere (“Per l’inizio dell’anno pastorale”) che accompagneranno il cammino diocesano nei prossimi dodici mesi. Le altre lettere giungeranno a tempo debito per l’Avvento, la Quaresima e la Pentecoste. Decisione significativa: la pastorale diocesana non si astrae dal tempo umano, semmai lo accosta, lo illumina, lo feconda, lo serve. E chiede a ciascuno di fare, con intelligenza e cuore, la propria parte.

Gianni Borsa
per Azione Cattolica Milano