Ultime notizie :

MESSAGGIO DI CHARIS IN PREPARAZIONE ALLA PENTECOSTE 2020   

LA RISURREZIONE … LA VITA CONTINUA LA SUA PRIMAVERA   

LA RISURREZIONE È LA VOCAZIONE DELL’UOMO    

Mons. Biraghi e la fede in tempo di epidemia   

ESERCIZI SPIRITUALI QUOTIDIANI ON LINE   

LA SANTA MESSA CON CONCORSO DI POPOLO A CERNUSCO. NUMERI E CONSIDERAZIONI   

DA DON ANDREA CITTERIO L’INVITO A RISPONDERE ALL’APPELLO DI “OPERAZIONE MATO GROSSO”: SERVONO ALIMENTARI !   

A PROPOSITO DI… ORATORIO ESTIVO 2020    

CARO SERGIO, DON CARLO TRADATI È RITORNATO OPERAIO...    

ACCOMPAGNIAMO I NOSTRI FRATELLI DEFUNTI. AGGIORNAMENTO AL 16 MAGGIO   

EVANGELIZZARE CON LA LEGGEREZZA DELLO SPIRITO   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

OSPEDALE UBOLDO: RACCOLTA FONDI PER DUE NUOVI POSTAZIONI IN TERAPIA INTENSIVA   

CORONAVIRUS: VENTI I CASI A CERNUSCO, OGGI IL PRIMO DECESSO   

SAN SEBASTIANO. FESTA DELLA POLIZIA LOCALE, OCCASIONE PER CONOSCERE LA LORO ATTIVITA’   

DON LUCIANO: GIUGNO “AD MULTOS ANNOS!”   

“IO SONO LA LUCE DEL MONDO”. LA PRESENZA DI GESU’ ILLUMINA I NOSTRI CUORI   

S. ROSARIO MESE DI MAGGIO, NEI CORTILI TUTTE LE SERE ALLE 20.30   

DON LUCIANO: LA SPERANZA NON È LA STESSA COSA DELL’OTTIMISMO   

“DIO AIUTI I GOVERNANTI, SIANO UNITI NEI MOMENTI DI CRISI PER IL BENE DEI POPOLI”   

EMERGENZA CORONAVIRUS, LE COMUNICAZIONI DAL COMUNE   

V Domenica dopo l´Epifania   

Presentazione del Signore   

S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe   

Giovedì 4 Giugno

ANCHE IL “NY TIMES” PARLA DELLE “BUONE PRATICHE CERNUSCHESI”

Questo il titolo dell'articolo presente sul New York Times del 7 Aprile: "Pazienti Coronavirus, famiglie si scambiano baci virtuali in un Ospedale italiano"

Riportiamo la traduzione dell’articolo , l’originale è disponibile qui

Pazienti Coronavirus, famiglie si scambiano baci virtuali in un Ospedale italiano
CERNUSCO SUL NAVIGLIO, Italia - È solo un bacio soffiato durante una videochiamata sul tablet di un computer a una persona cara a miglia di distanza.

Ma per i pazienti anziani che soffrono di coronavirus nell'ospedale di Uboldo in questa città del nord Italia, è tanto un'ancora di salvezza quanto le loro maschere di ossigeno. I medici su e giù per l'Italia, il paese con il maggior numero di morti per pandemia, affermano che una delle cose più difficili per i pazienti non è quella di poter avere i loro cari al loro fianco a causa delle restrizioni di quarantena.

"Da un punto di vista psicologico, questo è certamente l'aspetto peggiore di questa emergenza", ha detto il principale anestesista dell'ospedale, il dott. Massimo Zambon. Quindi, Zambon e i suoi colleghi stanno usando tablet donati dalla città e dai cittadini privati ​​per alleviare il dolore della distanza e della solitudine. La maggior parte dei pazienti è anziana e non sa come usare i tablet, quindi il personale dell'ospedale effettua le chiamate e le tiene in faccia. "In questo momento, questa è l'unica soluzione possibile, il modo più semplice ed efficace per creare un contatto tra il paziente e la famiglia", ha detto Zambon. "E devo dire che questo è molto apprezzato dai pazienti, ma soprattutto dai parenti a casa preoccupati e in attesa di notizie", ha detto, parlando in un corridoio dell'ospedale.

Più di 17.000 persone sono morte a causa del coronavirus in Italia. Il relativamente piccolo ospedale Uboldo di Cernusco sul Naviglio si trova in Lombardia, che ha sopportato il peso maggiore dell'epidemia. Circa il 90% dei pazienti di Uboldo è vittima di coronavirus. Dall'inizio della crisi, l'ospedale ha triplicato il numero dei suoi letti per cercare di far fronte. Martedì mattina, i medici in equipaggiamento protettivo hanno rimosso una maschera di ossigeno dal viso di un uomo anziano e hanno sollevato un tablet. L'uomo ha fatto un cenno e un parente all'altro capo della chiamata gli ha mandato un bacio. È durata meno di un minuto e poi la maschera di ossigeno è stata riposizionata. "Le videochiamate sono ovviamente brevi perché c'è molto da fare. Queste chiamate sono un po 'fredde perché non c'è un vero contatto tra le persone quando parlano, quindi ovviamente tutto è più difficile", ha detto Zambon. In un'altra stanza, una donna di 69 anni era sottoposta a test per vedere se aveva il virus e il personale ha utilizzato un tablet per poter farle vedere la sua famiglia. "Se ce l'ho, starò qui, altrimenti tornerò a casa", ha detto la donna. "Sono tutti efficienti qui, sono tutti gentili ... sono tutti angeli qui, davvero, se non fosse per loro e per i sacrifici che fanno …" Non era necessario che lei finisse la frase. Tutti da entrambe le parti sapevano esattamente cosa intendeva dire.

(Scritto da Philip Pullella; Montaggio di Leslie Adler)

New York Times del 7 Aprile 2020
Tutti i diritti riservati

S.P.
Cernusco sul Naviglio, 8 Aprile 2020