Ultime notizie :

LA RISURREZIONE … LA VITA CONTINUA LA SUA PRIMAVERA   

LA RISURREZIONE È LA VOCAZIONE DELL’UOMO    

Mons. Biraghi e la fede in tempo di epidemia   

IL GIOCO DELLA RISURREZIONE   

DA DON ANDREA CITTERIO L’INVITO A RISPONDERE ALL’APPELLO DI “OPERAZIONE MATO GROSSO”: SERVONO ALIMENTARI !   

A PROPOSITO DI… ORATORIO ESTIVO 2020    

CARO SERGIO, DON CARLO TRADATI È RITORNATO OPERAIO...    

ACCOMPAGNIAMO I NOSTRI FRATELLI DEFUNTI. AGGIORNAMENTO AL 16 MAGGIO   

DA LUNEDI´ 18 MAGGIO SI POTRA´ TORNARE A MESSA   

L’ARCIVESCOVO: «RIPARTIAMO CON DETERMINAZIONE, GRADUALITÀ E PRUDENZA»    

SERVI INUTILI, NON SERVI DELL’UTILE    

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

«DAMMI UN ATTIMO»: DARIO GELLERA CI AIUTA A RIFLETTERE   

OSPEDALE UBOLDO: RACCOLTA FONDI PER DUE NUOVI POSTAZIONI IN TERAPIA INTENSIVA   

CORONAVIRUS: VENTI I CASI A CERNUSCO, OGGI IL PRIMO DECESSO   

SAN SEBASTIANO. FESTA DELLA POLIZIA LOCALE, OCCASIONE PER CONOSCERE LA LORO ATTIVITA’   

S. ROSARIO MESE DI MAGGIO, NEI CORTILI TUTTE LE SERE ALLE 20.30   

DON LUCIANO: LA SPERANZA NON È LA STESSA COSA DELL’OTTIMISMO   

CHE GIOIA! DON LUCA RAIMONDI SARÀ PRESTO ORDINATO VESCOVO    

MAGGIO, MESE MARIANO   

“DIO AIUTI I GOVERNANTI, SIANO UNITI NEI MOMENTI DI CRISI PER IL BENE DEI POPOLI”   

EMERGENZA CORONAVIRUS, LE COMUNICAZIONI DAL COMUNE   

V Domenica dopo l´Epifania   

Presentazione del Signore   

S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe   

Giovedì 28 Maggio

SOLO LA CRESCITA È FELICE, MA DEVE ESSERE SOSTENIBILE

 

Un organismo vivente che non cresce si indebolisce e implode. Tendenzialmente si spegne. Viceversa, se si sviluppa e cresce, sta bene e ha una vita di qualità. Vale anche per una società ed una economia.

Foto da www.agensir.it

Solo la crescita è felice. La decrescita, invece, è certamente infelice. Non per tutti, intendiamoci, ma per i poveri sì. Ci pare questa la riflessione di fondo che emerge con crescente nettezza di fronte ai dati economici e statistici, ma anche dinanzi ai pareri di economisti e istituzioni socio-economiche che, in questa settimana, si sono succeduti numerosi in Italia.

Crescita zero o leggermente sottozero o appena sopra la linea di galleggiamento? Queste sono le fotografie del Paese scattate in questi giorni. Ci pare però sempre più difficile pensare che quel che succede in natura non sia la regola di fondo anche del vivere economico e civile. Ovvero: un organismo vivente che non cresce si indebolisce e implode. Tendenzialmente si spegne. Viceversa, se si sviluppa e cresce, sta bene e ha una vita di qualità. Vale anche per una società ed una economia.

Ma far crescere le quantità oggi è processo che ancora più ineludibilmente di ieri è legato alla qualità. Un esempio? I margini di crescita enormi che ha l’edilizia se saprà proporre case a consumo zero e impatto minimo. Ma anche la mobilità e i trasporti sono a un passo dalla svolta: mezzi innovativi, a guida autonoma e impatto ambientale minimo, rappresentano un mercato enorme per domani. Ecco: questi e molti altri ambiti sono a portata di una crescita felice o, più modestamente, sostenibile. Comunque con il segno più. Un processo da cui possono trarre giovamento tanti, se non tutti.

Ci si rafforza l’idea, invece, che produrre meno (soprattutto senza innovare) e tornare sui nostri passi sia una mossa che può fare male soprattutto a chi è più fragile e con meno risorse. Perché è vero che la natura non fa salti, ma non ha neanche la retromarcia.

Giorgio Malavasi
Gente Veneta (Venezia)
(da www.agensir.it)

Cernusco sul Naviglio, 8 aprile 2019