Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

MERCOLEDI’ 1 MAGGIO, FESTA PATRONALE DI S. GIUSEPPE LAVORATORE   

DON SANDRO SPINELLI CITTADINO ONORARIO DI TERESINA   

SABATO 6 APRILE, "PORTE APERTE" IN BOUTIQUE!   

Estate a Bolbeno, prenotazioni dal 18 marzo   

FIERA DI SAN GIUSEPPE. SI MANGIA IN ORATORIO!   

PROFESSIONE PERPETUA NELL´ORDINE AGOSTINIANO DEL CERNUSCHESE P. GENNARO LIONE   

EMERGENZA TERRA SANTA - Un appello di Caritas   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, LA PROPOSTA 2023/24   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, LA PROPOSTA 2023/24   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

ISCRIZIONI ORATORIO ESTIVO 2024   

SETTIMANA SANTA 2024 A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

QUARESIMA 2024   

PREGA, CONFIDA E SPERA. 100° DALL APPARIZIONE DELLA B.V. MARIA A CERNUSCO   

Santuario, approvato il recupero dei decori nascosti per anni    

Don Luciano, Aprile. Come possiamo vivere la Pasqua nella nostra vita quotidiana?   

DON LUCIANO, MARZO. LA QUARESIMA CI PROPONE UN PERCORSO INTERIORE DI CONVERSIONE   

DON LUCIANO, FEBBRAIO: Oggi, dopo 100 anni, la Madonna ci parla ancora   

Don Luciano, gennaio. La fede in Dio torni ad essere centrale nella nostra vita   

Lunedì 15 Aprile

Santuario, ricompaiono le antiche decorazioni

Continua il restauro interno di Santa Maria Addolorata

Finalmente a dicembre sono iniziati i lavori di restauro delle superfici interne del santuario; al momento l'impresa incaricata dell’esecuzione dei lavori sta operando sulla volta e sull’arcata trionfale del presbiterio. Nella seconda fase si andrà ad ultimare l'intervento di pulizia sulla volta del coro e sulle pareti verticali ove si riterrà necessario.
Le operazioni delicate e lunghe riguardano l’asportazione degli strati di pitture acriliche stese sopra gli impianti pittorici e/o decorativi, in diversi periodi e che in una successiva fase potranno essere semplicemente fissati e ripuliti o eventualmente essere risanati e integrati nelle parti mancanti e troppo deteriorate. Al momento le operazioni di restauro si sono concentrate sulla parte alta del presbiterio e del coro liberando una notevole porzione delle superfici delle volte e dell'arcata principale svelando le decorazioni originali di pregevole fattura.
Le procedure del restauro prevedono, a disvelamento finito, una ricognizione dello stato dei luoghi da eseguirsi di concerto con i funzionari della Soprintendenza, i restauratori/restauratrici e la direzione lavori. Il sopralluogo programmato agli inizi di febbraio servirà per definire le linee base da seguire per il restauro delle superfici decorate in modo da garantirne la stabilità e la durata nel tempo. Successivamente si effettueranno prove di campionature anche sulle pareti verticali della zona altare e coro, nonché nell’assemblea per intraprendere anche su queste superfici il lavoro di recupero delle eventuali decorazioni che si dovessero rinvenire.
(Paolo Grassi, Voce Amica, febbraio 2024)

Le antiche devozioni, in attesa della riapertura del Santuario - Quanto scriveva monsignor Luigi Ghezzi in “Santa Maria in Cernusco”, libro dato alle stampe nel 1934,  era anche esperienza comune delle persone - e non erano certamente poche! - che, prima della chiusura del santuario per i lavori di restauro e risanamento conservativo ancora in corso, vi entravano per una preghiera. «Si potrebbe credere - racconta il nostro illustre concittadino (1887 – 1952) - che S. Maria ormai un po' fuori mano, non sia più frequentata, ma anzi abbandonata, spe­cialmente nella stagione invernale, quando le strade che vi conducono sono tanto brutte... e la nebbia nasconde anche il campaniletto... Certo, non c’è gente ogni momento a S. Maria... ma ogni giorno sì. S. Maria non è una chiesina abbandonata; in qualunque giorno vi andiate troverete una lampada, dei lumini, delle candele che ardono e crepitano, omaggio di devoti, dei quali qualcuno è lì alla balaustra, o nella pe­nombra della chiesa, e prega guardando alla Madonna, che guarda ancor Lei coi suoi occhi vivi ed espressivi e pieni di lacrime! Il nostro popolo l’ha in mente la sua Madonna, e ci va a venerarla; ama però di far le sue devozioni alla Gran Madre quasi segretamente, a togliere ogni ostentazione e per aver maggior libertà di fervore. E non è bella una devozione così, umile e non chiassosa?!». E questo è forse il vero motivo della venerazione e dell’affetto dei Cernuschesi verso la Madonna di S. Maria.
Nell’attesa di poter presto tornare a pregare a Santa Maria, ricordiamo una delle più sentite devozioni alla Madonna, che celebriamo proprio in questi giorni, narrate sempre da monsignor Ghezzi:
«alla Madonna della Ceriola, il due di febbraio, si di­rebbe che è giorno di pellegrinaggio a S. Maria. In chiesa parrocchiale han benedetto le candele, e chi l’ha avuta, o come appartenente alla Confraternita, o perchè della Com­pagnia della Dottrina... se già ha provvisto negli altri anni ad adornare il proprio letto, per accenderla poi nell’ora del­l’agonia... quella di quest’anno la porta a S. Maria. Sono specialmente le mamme, che colla loro candela, di mattina presto o in sul vespero, vengono ad accenderla alla Ma­donna. E la candela accesa è il simbolo di una preghiera, di una domanda... di quelle grazie che han bisogno e per l’ani­ma e per il corpo, e per loro e per la famiglia. Che se tutto va bene, ed è un momento che non c’è che da ringraziare il Signore, la candela lì dinnanzi al Cristo morto e all’Addo­lorata, prega per quando purtroppo verranno le agonie di qualcuno dei propri cari, od è in suffragio dei poveri che dormono non lontano, nel cimitero. O candide e sante candelette della Ceriola, ditene tante di preghiere colla vostra vivida fiammella alla nostra Madonna... E consumatevi lì dinnanzi all’altare, ma non cessi la preghiera del nostro cuore!»

Raccolta fondi – È importante che la generosità dei Cernuschesi non venga meno anche nei prossimi mesi, così da consentire alla Parrocchia di giungere in tempi brevi al pagamento completo dei lavori sinora effettuati (primo e secondo lotto) e di quelli appena iniziati (terzo lotto) e, se fosse possibile, di rimborsare anticipatamente anche il mutuo, tutto o in parte.

Ricordiamo le diverse possibilità per partecipare alla raccolta fondi:

- offerta da consegnare ai sacerdoti o da mettere nelle apposite cassette poste nelle tre chiese parrocchiali cittadine;

- offerta straordinaria durante le Messe della prima domenica del mese in tutte e tre le parrocchie cittadine;

- offerta mediante bonifico bancario sul c/c intestato a Parrocchia Santa Maria Assunta, IBAN  IT 32 D 08453 32880 000000001043 con la causale: offerta lavori Santuario;

- contributo per beni culturali agevolato fiscalmente:
a) per le persone fisiche: detrazione dall’imposta lorda del 19% della somma erogata;
b) per le imprese: deducibilità dal reddito dell’intera somma;
per entrambe le possibilità: occorre fare un bonifico bancario sul c/c intestato a Parrocchia Santa Maria Assunta, IBAN  IT 14 Q 08453 32880 000000013070, causale: contributo lavori Santuario;
per beneficiare dell’agevolazione fiscale è inoltre necessario, una volta effettuato il bonifico, richiedere la ricevuta del contributo versato inviando una mail a: santamariaassuntacernusco@gmail.com, con i propri dati anagrafici e codice fiscale, oltre ad  allegare copia della contabile bancaria; oppure telefonare allo 02.9243991;

- disporre, con testamento, l’eredità o un legato a favore della Parrocchia di Santa Maria Assunta, che può ricevere l’intera eredità oppure una parte di essa (legato). Ciò che caratterizza queste disposizioni è la necessità, sia per il benefattore che per la Parrocchia, di rispettare la normativa del codice civile. Formalità che devono essere osservate per aversi un testamento lecito e valido a partire dall’indicazione dell’esatta denominazione legale dell’ente beneficiario: nel nostro caso, la Parrocchia di Santa Maria Assunta in Cernusco sul Naviglio. Fare testamento è molto facile.
Ci sono due tipi di testamento entrambi con lo stesso valore: il testamento olografo (quello scritto interamente di proprio pugno; per essere valido deve contenere la data e la firma del testatore) e il testamento pubblico (quello redatto da un notaio che raccoglie le volontà del testatore alla presenza di due testimoni).
Ognuno può decidere di lasciare quello che vuole, non servono ingenti patrimoni: per esempio, somme di denaro di qualsiasi entità; beni immobili (come un appartamento, un terreno); beni mobili (un’opera d’arte, un gioiello o un arredo); azioni e titoli di investimento; polizze vita fine rapporto indicando la Parrocchia come beneficiario.
La parte di eredità di cui si può disporre liberamente è la quota disponibile, mentre la quota legittima è la parte che la legge riserva agli eredi legittimi (coniuge o il soggetto unito civilmente, i figli e gli ascendenti …).

Cernusco sul Naviglio, 9 febbraio 2024

In allegato: Dal Santuario, ‘Voce Amica’ di febbraio 2024