Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

La boutique della solidarietà apre la raccolta degli abiti invernali   

Cineforum, Prosa... Riparte il CineTeatro Agorà!   

"SOSTARE CON TE". FESTA DELL´ORATORIO 2022   

BENVENUTE TRA NOI SR. LILIA, ALESSANDRA E GUADALUPE!   

Rinviata la “Due giorni” con Don Angelo e Don Giampiero   

X Giornata Mondiale delle Famiglie   

Santuario, invitati alla generosità anche in tempi non facili   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

Ora et Labora - Anche quest’anno in Oasi l’incontro dedicato a quanti nella Comunità pastorale svolgono un servizio per la coppia.    

“QUANDO UNO HA PAURA, INVECE CHE FARE IL SINDACO È MEGLIO CHE FACCIA UN ALTRO MESTIERE”   

PROGETTI SPECIALI PER IL CENTRO SANT’AMBROGIO   

Iscrizioni al catechismo 2022/23   

Aggiungi un posto a Tavola 2022/2023: Abitare la Terra guardando il Cielo   

FESTA DI SANTA MARIA 2022, IL PROGRAMMA   

Padre Emilio: una vita accanto agli ultimi, ai più poveri della Terra   

“Santa Maria”, patrimonio di tutti   

Don Luciano. Settembre, si riparte. Buon cammino!   

Domenica 15 maggio 2022 - IV Settimana di Pasqua   

VI Domenica dopo l´Epifania   

III Domenica dopo l´Epifania   

Mercoledì 5 Ottobre

DIMENTICARE PER RIPARTIRE?

“Un anno da dimenticare”: il ritornello più recitato al termine del 2020. Ma come si fa a dimenticare tutti quei giorni dolorosi: per la perdita di una persona cara, per la difficoltà del lavoro, per un problema economico; non si possono dimenticare le fatiche di questo anno passato! E quindi come ripartire? Una domanda, magari inespressa che tutti ci siamo posti. La Chiesa, con la sua saggezza, come ogni anno ha proposto e cantato il suo Te Deum, un canto di ringraziamento a Dio. E come ogni anno l’ho cantato.

La domenica successiva all’uscita dalla Messa mi sono fermata (con la prudenza del caso) sul sagrato a salutare alcuni amici. La neve stava sciogliendosi, ma resisteva qua e là qualche mucchietto. Ragazzini e bambini (con le loro mascherine alle quali ormai sono avvezzi) scorazzavano per ogni dove divertendosi, mentre le madri coi piccoli indugiavano nei saluti.

In quel momento mi sono ritornate in mente alcune parole del Te Deum: ”Salva il tuo popolo, Signore, guida e proteggi i tuoi figli”.

Ed è sgorgata dal cuore una gratitudine immensa per essere parte di questo popolo fatto di quei bambini, di quelle famiglie, di quelle persone e di tutte le persone che non conosco. E il sagrato mi è apparso come un abbraccio misericordioso che contiene e accoglie tutti.

Si può ripartire anche dalle ferite del 2020 con le ultime parole del Te Deum che supplica: “Tu sei la nostra speranza, non saremo confusi in eterno”.

A. B.