Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

FALO´ DI S. ANTONIO. I BIGLIETTI VINCENTI.   

Santuario, pronti per la posa dei coppi sul tetto   

AUSER CERCA VOLONTARI   

PRESEPE VIVENTE E MUSICA ALL´ASSUNTA, GLI APPUNTAMENTI DI SABATO 17   

GMG 2023 LISBONA: CERNUSCO PRESENTE !   

NATALE 2022: DONA UNA SPESA   

Santuario, invitati alla generosità anche in tempi non facili   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

Ora et Labora - Anche quest’anno in Oasi l’incontro dedicato a quanti nella Comunità pastorale svolgono un servizio per la coppia.    

“QUANDO UNO HA PAURA, INVECE CHE FARE IL SINDACO È MEGLIO CHE FACCIA UN ALTRO MESTIERE”   

SETTIMANA DELL´EDUCAZIONE 2023   

Novena e Tempo di Natale, gli appuntamenti   

DOMENICA 6/11, INAUGURAZIONE DELLA BOUTIQUE DELLA SOLIDARIETÀ   

Iscrizioni al catechismo 2022/23   

“Santa Maria”, patrimonio di tutti   

Don Luciano: Teniamo il cuore aperto alla speranza!   

Don Luciano: Per noi cristiani non esiste Natale se non è quello di Gesù   

Novembre, nel 60° anniversario dell´inizio del Concilio Ecumenico Vaticano II   

DON LUCIANO, OTTOBRE: Essere profeta, testimone e missionario del Signore!   

Giovedì 26 Gennaio

RIPARTIAMO DA SALUTE E CURA

Sulla base dell’esperienza di questi mesi appare più condiviso che la salute deve essere un criterio che guida e orienta le scelte programmatiche, non ultime quelle economiche, con riferimento all’uso del territorio e alle forme di scambio praticate nell’ambito della collettività... Silvia Landra per AggiornamentiSociali.it

Per lo meno da una prospettiva lombarda, l’esperienza della pandemia ci ha mostrato come paghiamo duramente le conseguenze di un’organizzazione sociosanitaria da tempo sbilanciata su eccellenze ed emergenze, e invece assai meno attenta a universalità e continuità delle cure a fronte di condizioni di malessere prolungate o invalidanti e di grave emarginazione. Sulla base dell’esperienza di questi mesi appare più condiviso quanto dicevamo da tempo, e cioè che la salute deve essere un criterio che guida e orienta le scelte programmatiche, non ultime quelle economiche, con riferimento all’uso del territorio e alle forme di scambio praticate nell’ambito della collettività. Attraverso la prospettiva della salute si evidenziano bisogni dei singoli e dei diversi gruppi sociali e si possono valorizzare le risorse comunitarie reali e potenziali, pubbliche e private, formali e informali.

Nella sua accezione di benessere globale del singolo e della comunità, la salute non è una merce da acquistare in un centro specializzato, ma un bene comune, qualcosa in cui è in gioco la ragion d’essere della comunità. Così, non può esserci un solo luogo a cui fare riferimento per la realizzazione del benessere di ciascuno, perché la salute, nella concezione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) implica una molteplicità di dimensioni: ambiente, benessere fisico, psichico e spirituale, autonomia economica, istruzione e formazione, lavoro e conciliazione dei tempi di vita, relazioni sociali, sicurezza, ecc. La salute non è solo e tanto una questione individuale, ma una costruzione sociale, un bene da perseguire socialmente, l’esito di un preciso disegno di governo delle comunità. Per questo è un banco di prova per un rinnovato esercizio della politica, che la assuma come riferimento primario della propria azione, senza distinzioni di provenienza geografica, censo, genere, livello di istruzione, abilità.

In particolare, dare attuazione a questa idea di salute richiede la riorganizzazione della cura e lo sviluppo di un’azione politica, ecologica e solidale, che conduca a superare la cultura dello scarto, lo scandalo delle discariche fisiche e umane disseminate nel pianeta cui si continua a rispondere in termini esclusivamente assistenziali e riparativi. Non pensiamo solo a quei luoghi che sono diventati un esempio di degrado a livello globale, come le periferie delle megalopoli del Terzo mondo, ma anche a contesti istituzionali delle nostre città, persino puliti e organizzati, che tuttavia possono raccogliere la tendenza espulsiva di una collettività che estromette e dimentica alcuni dei suoi membri, al punto da non rendersi conto per tempo del rischio di mescolare soggetti sani e soggetti contagiati. È quello che è successo, in Lombardia e probabilmente non solo, a molti anziani o malati non autosufficienti con la cosiddetta “strage nelle RSA”.

Come gli esperti di varie discipline (economisti, sociologi, operatori dei sistemi sanitari, ecc.) da tempo sottolineano, ci sarà sempre meno salute per tutti se nel mondo si manterranno ampi livelli di sperequazione tra ricchi e poveri in termini di disponibilità di risorse economiche e di sostegno alla vita. Attraverso la pandemia possiamo quindi sentire l’appello a un ribaltamento di prospettiva, passando a una impostazione dei servizi di welfare e delle risposte di cura che parta dai più deboli, trasformandoli da scarti in risorse e da problema in riferimento da cui apprendere come è meglio fare per tutti. A questo scopo è necessario anche ricomprendere la centralità del ruolo delle istituzioni al servizio della comunità e l’importanza di un disegno complessivo che dia evidenza alla funzione della regia pubblica, unitaria e partecipata.

Continua a leggere su AggiornamentiSociali

Silvia Landra per AggiornamentiSociali.it