Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

La boutique della solidarietà apre la raccolta degli abiti invernali   

Cineforum, Prosa... Riparte il CineTeatro Agorà!   

"SOSTARE CON TE". FESTA DELL´ORATORIO 2022   

BENVENUTE TRA NOI SR. LILIA, ALESSANDRA E GUADALUPE!   

Rinviata la “Due giorni” con Don Angelo e Don Giampiero   

X Giornata Mondiale delle Famiglie   

Santuario, invitati alla generosità anche in tempi non facili   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

Ora et Labora - Anche quest’anno in Oasi l’incontro dedicato a quanti nella Comunità pastorale svolgono un servizio per la coppia.    

“QUANDO UNO HA PAURA, INVECE CHE FARE IL SINDACO È MEGLIO CHE FACCIA UN ALTRO MESTIERE”   

PROGETTI SPECIALI PER IL CENTRO SANT’AMBROGIO   

Iscrizioni al catechismo 2022/23   

Aggiungi un posto a Tavola 2022/2023: Abitare la Terra guardando il Cielo   

FESTA DI SANTA MARIA 2022, IL PROGRAMMA   

Padre Emilio: una vita accanto agli ultimi, ai più poveri della Terra   

“Santa Maria”, patrimonio di tutti   

Don Luciano. Settembre, si riparte. Buon cammino!   

Domenica 15 maggio 2022 - IV Settimana di Pasqua   

VI Domenica dopo l´Epifania   

III Domenica dopo l´Epifania   

Mercoledì 5 Ottobre

Fondazione Cernusco SMS, verso Natale pensando al “volontariato delle corti”

Un rischio che inconsciamente possiamo correre nelle prossime settimane è quello di vivere la solidarietà solo come beneficenza o assistenzialismo. Il sostegno materiale è assolutamente necessario, ma le persone più fragili necessitano sopratutto di condivisione ed ascolto delle esigenze di cui ciascuna di loro è portatrice. Importante attivare e promuovere anche reti di prossimità per accompagnarle.

In tanti ripetono che niente sarà più come prima. L’emergenza Covid-19 è uno spartiacque tanto per le persone quanto per l’intero sistema Paese. Ci siamo scoperti fragili davanti a un virus minuscolo, ma capace di mettere in ginocchio il mondo intero. La crisi sanitaria ha generato un circuito vizioso in cui ai problemi di salute si sono aggiunti il blocco dell’economia, a causa del lockdown, e un aggravamento della crisi occupazionale, dando vita a una grande crisi sociale. Un periodo difficile come questo che stiamo vivendo ci insegna che tutto è connesso e interdipendente. Dobbiamo quindi superare la logica dei compartimenti stagni e iniziare a percorrere cammini innovativi. Che per una fondazione come la nostra, potrebbe voler dire, per esempio, incoraggiare chi investe sul lavoro dignitoso, sostenere un modello di welfare generativo e favorire una vera e propria rivoluzione della cultura della cura. Cura della salute, del lavoro, della casa comune e delle relazioni.

La pandemia in corso ci ha obbligato a riconoscerci tutti sulla stessa barca: più deboli ma più uniti. Un clima, quello della solidarietà, dell’attenzione agli altri, che si è forse un poco incrinato nelle ultime settimane, quando avevamo coltivato l’illusione di essere fuori dal problema e di poter guardare alle feste natalizie e di fine anno con spensieratezza. E, invece, i giorni di Natale si presentano ancora carichi di preoccupazione.

Eravamo stati abituati a pensare di essere autosufficienti, avendo a disposizione quei beni materiali e culturali che garantivano alla maggioranza di noi una vita gioiosa e bella. Eravamo abituati a credere di poter tenere lontane per sempre la malattia e la miseria dalle nostre vite. E, invece, una dura realtà si è presentata davanti ai nostri occhi.

Un rischio che inconsciamente possiamo correre nelle prossime settimane è quello di vivere la solidarietà solo come beneficenza o assistenzialismo. Il sostegno materiale è assolutamente necessario, ma le persone più fragili necessitano sopratutto di condivisione ed ascolto delle esigenze di cui ciascuna di loro è portatrice. Dobbiamo quindi essere capaci anche di attivare e promuovere reti di prossimità per accompagnarle. A questo proposito, c’è chi ha parlato della necessità di favorire una formazione del “volontariato delle corti”: un’immagine certamente suggestiva e che ci piace, perché dice dell’importanza del sapersi incontrare e farsi carico lì, nel tessuto quotidiano del proprio esistere, delle necessità del prossimo della porta accanto.

Se non ci impegniamo nel far maturare un clima di solidarietà, rischiamo di trovarci, già nel prossimo anno, di fronte a emergenze economiche e sociali sempre più difficili da gestire. Le persone povere e in difficoltà non devono essere considerate come un’opzione di volontariato, ma un impegno che riguarda tutti.

Per il prossimo Natale, tenuto conto delle tante iniziative di generosità che ci sono anche nei nostri territori, diventa importante sostenere le proposte che le parrocchie, i Comuni, le associazioni di volontariato, con diverse declinazioni, hanno messo in campo. Il periodo non è dei migliori per i lavoratori in cassa integrazione o privati dello stipendio, i commercianti, i ristoratori, i baristi, per chi vive di cultura e spettacolo… I poveri aumentano e i vecchi spettri della fame ritornano di attualità. Ognuno può fare la sua parte, stando al proprio posto, come ci ha anche esortato il nostro arcivescovo, monsignor Mario Delpini, nel discorso alla città in occasione della festa di sant’Ambrogio.

Carlo Guzzi

Fondazione Cernusco SMS

Cernusco sul Naviglio, 12 dicembre 2020