Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

La boutique della solidarietà apre la raccolta degli abiti invernali   

Cineforum, Prosa... Riparte il CineTeatro Agorà!   

"SOSTARE CON TE". FESTA DELL´ORATORIO 2022   

BENVENUTE TRA NOI SR. LILIA, ALESSANDRA E GUADALUPE!   

Rinviata la “Due giorni” con Don Angelo e Don Giampiero   

X Giornata Mondiale delle Famiglie   

Santuario, invitati alla generosità anche in tempi non facili   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

Ora et Labora - Anche quest’anno in Oasi l’incontro dedicato a quanti nella Comunità pastorale svolgono un servizio per la coppia.    

“QUANDO UNO HA PAURA, INVECE CHE FARE IL SINDACO È MEGLIO CHE FACCIA UN ALTRO MESTIERE”   

PROGETTI SPECIALI PER IL CENTRO SANT’AMBROGIO   

Iscrizioni al catechismo 2022/23   

Aggiungi un posto a Tavola 2022/2023: Abitare la Terra guardando il Cielo   

FESTA DI SANTA MARIA 2022, IL PROGRAMMA   

Padre Emilio: una vita accanto agli ultimi, ai più poveri della Terra   

“Santa Maria”, patrimonio di tutti   

Don Luciano. Settembre, si riparte. Buon cammino!   

Domenica 15 maggio 2022 - IV Settimana di Pasqua   

VI Domenica dopo l´Epifania   

III Domenica dopo l´Epifania   

Mercoledì 5 Ottobre

Dicembre 2021 | Voce Amica

Gesù nasce ogni giorno in chi dona e in chi riceve

VOCE AMICA

di dicembre 2021 è ora in distribuzione

In questo numero:

LA COPERTINA
Gesù nasce ogni giorno in chi dona e in chi riceve

LA PAROLA DEL PARROCO

Gesù bambino portaci via la tristezza  e aiutaci a vivere nella gioia!

Carissimi,
perché a Natale si fanno dei doni? Con questo gesto noi cristiani vogliamo significare il Dono che abbiamo ricevuto in Gesù Figlio di Dio che nasce per me e mi fa dono della sua vita: Lui è il vero dono!

Il momento difficile che abbiamo attraversato e in parte stiamo ancora vivendo ha messo a dura prova il nostro vivere comune e la capacità di stare insieme. Vorrei invitarvi quest’anno a chiedere un dono particolare: LA PURIFICAZIONE DELLE RELAZIONI.
Le nostre relazioni sono il contenuto dove Dio si rivela e ci mostra il suo amore. Purtroppo talvolta capita di non riuscire a vedere la vera vocazione delle relazioni che sono la manifestazione della vita divina che Gesù è venuto a donarci (Gv 17). Vediamo nelle nostre relazioni tanto male e tanta paura dell’altro. Non è raro che le relazioni possono diventare l’ambito dove si sperimenta l’inferno.
Normalmente le cose si sistemano mentre le relazioni non sempre si sistemano perché noi siamo liberi e nelle relazioni entra in gioco la nostra libertà. La libertà è l’ambito della massima gioia ma anche della massima tristezza. Dalle relazioni problematiche non si può uscire da soli ma solo attraverso una vera guarigione grazie all’intervento di Dio Padre.
Le relazioni includono ed esigono una supplica di grazia per chiedere e donare perdono. Ci vuole del tempo ma occorre farlo, è un’arte difficile ma è quella della Chiesa.
Le relazioni vanno “misericordiate”, cioè vanno lavate consegnandole. Relazioni con se stessi: quando non accettiamo qualcosa di noi che ci fa soffrire. Relazioni con gli altri: le ferite non lavate dal perdono sono il nido del diavolo. Relazioni con Dio: può succedere di essere delusi e arrabbiati con Dio.
Quando non c’è questa pace nascono i paradisi artificiali che vanno dalle passioni fino all’illusione di avere tutto per riempire il vuoto interiore della nostra vita.
Faremmo bene a ricordarci sempre che le ferite che ciascuno si porta dentro sono la grande occasione per sentirsi in comunione con Dio, l’unico vero medico che può guarirci.
Ci sono due sintomi che ci dicono che dobbiamo seriamente prendere in mano le nostre relazioni: la tristezza e l’invidia. Questi due sintomi possono essere superati con la gratitudine, ossia trovare sempre motivi per ringraziare. C’è una tristezza che è nascosta nel profondo del cuore e potrebbe anche non apparire ma tortura le cose e distrugge la pace interiore e c’è anche una tristezza che si manifesta dal volto e dai sensi.
La tristezza è l’esatto contrario della fede e unita al rancore e all’invidia porta alla morte spirituale. Essa è il frutto di un esasperato “individuocentrismo” ossia quando il soggetto vuole unicamente avere in mano la propria vita e dal momento che non riesce a farlo è triste e muore. Oppure nel non sentirsi amati perché ci si è chiusi agli altri e a Dio per cui si entra in competizione con l’altro e lo si accusa della propria tristezza. Vediamo bene che la tristezza è legata al peccato. Quali sono i sintomi della tristezza? La lamentela, la critica, la depressione, l’attivismo e l’ansia…
Quali sono le cause della tristezza? La frustrazione del desiderio, la collera, la memoria malata. Qual è la conseguenza della tristezza? L’ Accidia cioè il male di vivere, la deresponsabilizzazione con il conseguente spegnimento della vita spirituale e il nutrimento delle passioni. Come si cura la malattia della tristezza? Con i Sacramenti, la Parola di Dio e la carità nascosta.
Tutti abbiamo bisogno di questa purificazione e guarigione delle relazioni con noi stessi, con gli
altri e con Dio.

In questo prossimo Natale chiediamo a Gesù bambino di portarci via la tristezza e di aiutarci a vivere nella gioia perché Lui è venuto per essere con noi oggi e sempre.

Buon Natale.

don Luciano

PRIMO PIANO

Ogni giorno è Natale a Betlemme

A BETLEMME, OGNI GIORNO, TANTI PICCOLI “GESÙ BAMBINO”, VENGONO AFFIDATI ALLE CURE DELLE SUORE PER OFFRIRE LORO UN FUTURO

Betlemme si trova in territorio palestinese, ad un’altitudine di circa 775 metri sul livello del mare, sulla dorsale dei monti della Giudea. Ha un clima di tipo mediterraneo, con estati calde e asciutte ed inverni freddi e umidi. Conta una popolazione di circa venticinquemila abitanti.

Quello costituito da Betlemme (“la casa del pane”) e Natale è un binomio inscindibile, e la Basilica della Natività, dopo aver attraversato il Campo dei pastori, ha reso questo luogo il centro di un incessante pellegrinaggio.

Come ben sappiamo, sia il Vangelo di Luca, sia il Vangelo di Matteo, pur con qualche differenza, collocano a Betlemme la nascita di Gesù, indicando un riferimento storico preciso (il censimento di Cesare Augusto) e  la discendenza dall’amato re Davide, cui la stessa Betlemme avrebbe dato i natali.

Chi vi si è recato avrà però visto che Betlemme non è più solo qualche casupola e la mangiatoia ma una cittadina con molto traffico, che ospita tanti stranieri, con tante strutture per ospitarli e i bazar per vendere loro i prodotti locali.

Il punto più suggestivo per i pellegrini è la Grotta della Natività, il punto esatto in cui la tradizione indica sia nato Gesù, con la sua speciale atmosfera data dalle tante lanterne accese, e in essa la Cappella della Mangiatoia, dove è rappresentata in maniera suggestiva la Natività.

Oltre alla Basilica della Natività, ci sono da vedere la chiesa di Santa Caterina, la Cappella della Grotta e del Latte, la Chiesa luterana del Natale e la Chiesa siriana ortodossa di Santa Maria, la Moschea di Omar, l’unica nella città vecchia di Betlemme, e vicino al check-point che permette di entrare in città la Tomba di Rachele, moglie di Giacobbe … e poi c’è “il Muro”.

Sì, perché per arrivare a Betlemme, forse la più facile città da visitare in territorio palestinese, a circa 60 km dall’aeroporto di Tel Aviv e 10 km a sud di Gerusalemme, occorre avere con se il passaporto e attraversare “con molta calma” un check-point, sia in ingresso che in uscita.

Intorno alla città ci sono poi i campi profughi,  come Aida, Deisheh e Al-Azzah, sorti dopo la guerra del 1948, campi in cui si sono rifugiati molti palestinesi cacciati dalle loro terre.

Perché questa premessa?

Perché ci occorre per capire come, in questo luogo che ci ricorda il Natale, tanti bambini, tanti piccoli “Gesù Bambino”, vengono affidati (come dice don Giampiero Alberti più avanti non è bello dire “bambini abbandonati”) alle cure delle suore per offrire loro un futuro migliore o, più semplicemente, un futuro. Avviene con le suore Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli per La Crèche e con le Suore Maestre di Santa Dorotea di Vicenza per l’Istituto Effetà.

Tanti di noi si sono resi fratelli in questa opera di carità, sia con il sostegno economico (lo abbiamo fatto come comunità nel 2018 per La Crèche, ricordate? o con la raccolta davanti al presepe in San Giuseppe Lavoratore per l’Istituto Effetà), sia con la presenza in campi estivi per i più giovani, sia con l’aiuto per la raccolta delle olive e la trasformazione in olio per qualcuno dei più grandi.

Abbiamo, per questo Natale, provato a raccogliere le voci di qualcuno di essi, sperando di poter presto ritornare a far visita a quelle Terre e alle suore: i pellegrinaggi sono, seppur fra mille difficoltà, da poco ricominciati.

Gesù nasce ogni giorno in chi dona e in chi riceve (don Giampiero Alberti)

Yalla Haziz! (Elisabetta Porta e Alessandro Galbiati)

Da 50 anni la voce dei piccoli palestinesi (Don Andrea Lupi)

 

COMUNITA’ PASTORALE

Voce Amica 2022: insieme, con rinnovata speranza

Perché far celebrare le Messe per i defunti?

Fra’ Danilo Malguzzi ordinato diacono: “Il Signore mi ha sostenuto e guidato”

Natale

            Arriva il Natale, costruiamo il presepio!

            È di nuovo Natale!

            Correva l’anno 1961, era il secolo scorso… (il presepio nelle grotte dell’Uboldo)

            SS. Messe e celebrazioni per il tempo di Natale

Caritas cittadina

            L’alleanza contro la povertà: dall’analisi all’azione

 

MISSIONI

Don Sandro ritorna in piazza

 

FAMIGLIA

Open your future!

L’amore che diventa fecondo (per conoscere Amoris Laetitia)

Continuano gli incontri di “Aggiungi un posto a tavola”

 

LE PARROCCHIE

Palermo e Loreto: un amore disinteressato

Padre Gennaro Lione, agostiniano, destinato a Cascia

40° inaugurazione del “Centro Cardinal Colombo”

 

ASSOCIAZIONI

Azione Cattolica: “A tutto campo” (Adesioni 2021-22)

 CAV: Il bene della vita è valore umano e civile

           

PASTORALE GIOVANILE

            Don Andrea: Casa Nazaret

            Vita comune in oratorio

                        Coltivare insieme l’amicizia con Gesù

                        Una Parola avvincente per me e la mia vita

            Pastorale Samaritana: La dignità dei figli di Dio

            ASO’:

                        Scende in campo il Progetto educativo

                        Un progetto speciale ASO’

            Scout: Uscita di comunità capi: la comunità e la corresponsabilità

 

LA CITTA’

La maggioranza  si spacca: visioni diverse sul futuro sviluppo della città

Andiamo tutti in Via S. Francesco! (inaugurato il “murales”)

Don David è rimasto nel cuore di tantissimi Cernuschesi

Significativi riconoscimenti per i ragazzi di PizzAut

Ballerino d’eccezione nel programma dedicato all’Unicef

La Sacer, casa e scuola di vita per molte generazioni

 

Senza scordare le rubriche: il Diario, il Taccuino, la programmazione di Agorà, le Farmacie di turno, le Necrologie, tutti gli orari delle celebrazioni e degli uffici parrocchiali, l’anagrafe, anche “corposa”, di ciascuna parrocchia...

VOCE AMICA”, al suo 96esimo anno di vita, è il mensile cattolico della Comunità pastorale “Famiglia di Nazaret”: chi non lo riceve direttamente a casa, lo può trovare in fondo alle chiese parrocchiali cittadine o in Libreria del Naviglio (via Marcelline 39).

 

Il numero di dicembre 2021 è in distribuzione da sabato 4 dicembre
Il prossimo numero sarà in distribuzione da sabato 15 gennaio 2022

 

Auguri!

Non perderti un numero

Numeri precedenti