Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

FALO´ DI S. ANTONIO. I BIGLIETTI VINCENTI.   

Santuario, pronti per la posa dei coppi sul tetto   

AUSER CERCA VOLONTARI   

PRESEPE VIVENTE E MUSICA ALL´ASSUNTA, GLI APPUNTAMENTI DI SABATO 17   

GMG 2023 LISBONA: CERNUSCO PRESENTE !   

NATALE 2022: DONA UNA SPESA   

Santuario, invitati alla generosità anche in tempi non facili   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

Ora et Labora - Anche quest’anno in Oasi l’incontro dedicato a quanti nella Comunità pastorale svolgono un servizio per la coppia.    

“QUANDO UNO HA PAURA, INVECE CHE FARE IL SINDACO È MEGLIO CHE FACCIA UN ALTRO MESTIERE”   

SETTIMANA DELL´EDUCAZIONE 2023   

Novena e Tempo di Natale, gli appuntamenti   

DOMENICA 6/11, INAUGURAZIONE DELLA BOUTIQUE DELLA SOLIDARIETÀ   

Iscrizioni al catechismo 2022/23   

“Santa Maria”, patrimonio di tutti   

Don Luciano: Teniamo il cuore aperto alla speranza!   

Don Luciano: Per noi cristiani non esiste Natale se non è quello di Gesù   

Novembre, nel 60° anniversario dell´inizio del Concilio Ecumenico Vaticano II   

DON LUCIANO, OTTOBRE: Essere profeta, testimone e missionario del Signore!   

Venerdì 27 Gennaio

Dicembre 2020 | Voce Amica

Maria diede alla luce il suo fifiglio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c´era posto nell´alloggio.

VOCE AMICA

di dicembre 2020 è ora in distribuzione

 

In questo numero:

 

LA COPERTINA

Maria diede alla luce il suo fifiglio primogenito,

lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia,

perché per loro non c'era posto nell'albergo.

(Lc 2,7)

 

LA PAROLA DEL PARROCO

Sarà ancora Natale e non un natale qualunque, ma il Natale di Gesù

Carissimi,

con il mese di dicembre giungiamo al termine di un altro anno.

Nella lettera scritta per il tempo dell’Avvento in preparazione al S. Natale il nostro Arcivescovo a proposito del tempo che passa scrive: “L’esperienza comune conosce il tempo che passa, troppo rapido normalmente, troppo lento quando la vita è noiosa, la solitudine è angosciante e qualche male tormenta troppo a lungo il corpo e l’anima. Il tempo che passa ha come risultato che, come si dice, ogni anno diventiamo più vecchi, ogni bellezza svanisce, ogni cosa va in rovina… Si insinua così l’idea che il tempo sia nemico del bene. Invece per noi cristiani “contare i giorni” significa fare attenzione se in quel susseguirsi non vi sia un inedito, una novità che sappia attrarre, che seduca per la bellezza. Vuol dire guardarli bene, i giorni, così che ci si possa accorgere di un giorno nuovo, quello di Gesù, capace di trasfigurare tutti gli altri, di rivestirli di vita divina.

Il tempo in cui si celebra il mistero dell’Incarnazione è particolarmente intenso per molti aspetti. Il Figlio di Dio è divenuto figlio dell’uomo e con il dono dello Spirito insegna e rende possibile ai figli degli uomini abitare i giorni come figli di Dio”.

Sappiamo tutti che chiudiamo un anno difficile a causa della pandemia e, a questo proposito, non sappiamo come sarà il prossimo. Però ci sta davanti una grossa opportunità che è quella di accorgerci dei doni che abbiamo avuto e possediamo ma che talvolta trascuriamo.

 

Il popolo di Israele quando camminava nel deserto verso la libertà della Terra Promessa è stato messo a dura prova perché non aveva più le sicurezze, comprese le famose cipolle, che aveva in Egitto. Questa prova era così dura e difficile che non riusciva più a fare assaporare agli israeliti la bellezza di camminare incontro alla libertà a tal punto da rimpiangere la schiavitù.

 

Quando siamo nella prova è facile cadere nella tentazione di rifugiarsi in un passato che ci illudeva di essere al sicuro. Forse invece quanto sta accadendo ci domanda di lasciarci purificare il cuore e la vita da troppe “zavorre” inutili che abbiamo fatto diventare indispensabili, troppi rapporti umani diventati sterili e litigiosi, troppe ingiustizie in cerca solo del proprio tornaconto… giunge un tempo di grade purificazione della nostra vita! Non possiamo essere più come prima! Come dice molto spesso Papa Francesco: “dalla pandemia se non si esce cambiati si esce peggiori di prima”.

 

Chiediamo a Dio che questo tempo che passa inesorabilmente abbia la forza di rinnovare la nostra vita per lasciarci invadere dalla luce di Dio e saper riconoscere quali zone d’ombra mi impediscono di essere autentico, quali egoismi non mi permettono di vedere oltre il mio naso e le piccolezze del mio io egoista e narcisista.

Sentiremo ancora molto dolore: per la morte che ci passa accanto, per i malati che non guariscono o guariscono male, per le persone che devono lottare da sole davanti alla malattia, per tanta paura che ci priva di ogni rapporto e ci chiude in noi stessi… Ma Cristo verrà, anzi è già venuto una volta e ri-porterà quella luce di verità di cui abbiamo veramente bisogno. Signore, forse ci siamo dimenticati di te. Forse ci siamo illusi che potevamo essere felici anche senza di te… ma non è così!

 

Sarà ancora Natale e non un natale qualunque ma il Natale di Gesù, colui che solo può dare senso alla nostra vita e aiutarci a non cadere nello smarrimento e nel vuoto.

Da quando Dio si è fatto carne, ci è stata donata quella luce che veramente illumina ogni uomo. Ed è proprio questa luce della presenza di Dio nella nostra umanità che ci trasforma. La nostra condizione umana, per quanto povera e fragile possa essere, riceve la grazia di scoprirsi luminosa, di diventare presenza di luce per l’altro. La nascita di Gesù dischiude ad ogni uomo e a tutta la realtà la speranza certa di una ri-nascita.

Per questo, con il nostro padre Ambrogio possiamo dire: «Prima della venuta di Cristo era inverno, dopo la Sua venuta appaiono i fiori» (Isacco e l’anima, 4,35).

Buona Natale !

don Luciano

 

 

PRIMO PIANO

Gesù Bambino: l’amore che cambia la storia

Costruisci il presepio e mandaci una fotografia

Presepio in prepositurale? Sì, grazie!

Un presepe in un cantiere

Avvento: come un’unica, ininterrotta adorazione al Signore che viene

“Non temete!”: anteprima del presepe di un anno faticoso

Il Presepe: affascinante tradizione e faticosa realizzazione

Il cuore di una comunità nella luce del Natale

Non solo… presepe in chiesa

Come tramandare l’arte presepiale

Natale è sempre Natale

Bella l’idea che tutti lavorassero insieme...

Natale 2020, quello con il covid-19

 

COMUNITA’ PASTORALE

Un Avvento di Carità

Benedizione natalizia: domenica 13 dicembre nelle tre parrocchie

Quanto ci insegnate, fate parte della nostra vita!            

Novena e Messa di Natale 2020

Quella notte, per vincere le sette paure

C’erano Maria e Giuseppe, e poi i pastori...

SS. MESSE E CELEBRAZIONI PER IL TEMPO DI NATALE 2020-2021

Una cattedrale all’aperto per Tutti i Santi e i Defunti

La Giornata dell’Adesione, un momento speciale per l’AC

Le relazioni dell’incontro di “Aggiungi un posto a tavola”

               Gruppo verde: “Annoiarsi” stimola la creatività dei bambini

               Gruppo arancione: È tempo di essere smart. Agili senza essere fragili

               Gruppo fucsia: Valorizzare le differenze in famiglia

               Gruppo marrone: È tempo di essere in 2+ figli: saper dire per favore

 

MISSIONI

Padre Efrem Tresoldi: Spero di poter partire all’inizio del nuovo anno

Padre Emilio Spinelli: “Avrei voluto tanto venire in Italia ma il mio posto era questo”

 

AGORA’

Agorà, uno spazio per promuovere la vita ricreativa e culturale

 

PASTORALE GIOVANILE

                Don Andrea: Incontro al Signore che viene

ASO’: Forse ripartiremo con la primavera

Scout: Lo scautismo a distanza, ve ne parliamo noi!

 

LA CITTA’

Melghera: In previsione 130 appartamenti e la realizzazione di una RSA

Giovanni Farina: un bell’esempio di cristiano impegnato nel sociale

Regalare emozioni con un libro

               Elisabetta Ranghetti

               Laura Bonalumi

               Marco Erba

Cernusco terra di scrittori e poeti

 

Senza scordare le rubriche: il Diario, il Taccuino, la programmazione di Agorà, le Farmacie di turno, le Necrologie, tutti gli orari delle celebrazioni e degli uffici parrocchiali, l’anagrafe, anche “corposa”, di ciascuna parrocchia...

 

VOCE AMICA”, al suo 95esimo anno di vita, è il mensile cattolico della Comunità pastorale “Famiglia di Nazaret”: chi non lo riceve direttamente a casa, lo può trovare in fondo alle chiese parrocchiali cittadine o in Libreria del Naviglio (via Marcelline 39).

 

Il numero di dicembre 2020 è in distribuzione da sabato 5 dicembre

Il prossimo numero sarà in distribuzione da sabato 16 gennaio 2021

Non perderti un numero

Numeri precedenti