Ultime notizie :

Martedì 24 Novembre

Novembre 2020 | Voce Amica

... che emozione il “Giro” a Cernusco!

VOCE AMICA
di novembre 2020 è ora in distribuzione

 

In questo numero:

 

LA COPERTINA

... che emozione il “Giro” a Cernusco!

Domenica 25 ottobre

 

LA PAROLA DEL PARROCO

La domanda di senso della vita trova la sua risposta in Gesù Cristo

Carissimi,

il mese di novembre è iniziato con il ricordo di tutti i nostri cari defunti.
Più che mai in questo momento così particolare il pensiero della morte ci accompagna da vicino ogni giorno e con il pensiero anche la paura di morire. La pandemia ci ha gettato in faccia questa realtà così spesso rimossa e nascosta in tutta la sua reale evidenza.
Quante parole, quante teorie a volte si sprecano per evadere e non farci parlare di questo fatto così importante che tocca tutti noi facendoci fuggire dalla paura di questo momento cruciale della vita di ogni uomo. Inoltre pensavamo che tutto questo poteva già essere un brutto sogno dei trascorsi mesi primaverili e invece… ahimè… che autunno stiamo vivendo! E l’inverno che sta davanti a noi come sarà? Lo sappiamo: il virus può attaccarci in qualsiasi momento e non è detto che possiamo guarire… lo speriamo qualora fosse così, ma sembra che questa malattia debba interessare gli altri o quelli che vediamo in televisione e negli ospedali ma non noi. Quindi? Quanta depressione e scoraggiamento questa paura sta generando nelle persone; credevamo di essere immortali e invece ci ritroviamo più fragili e limitati che mai. Credevamo che la scienza oramai così avanzata potesse guarirci da tutto, non è così. Credevamo che queste cose toccassero i paesi in via di sviluppo più poveri e meno attrezzati di noi e invece ha bussato proprio alla nostra porta. Credevamo…, invece... Ecco, questa paura ritorna e schiaccia la speranza, la gioia di vivere, l’entusiasmo di una vita comune, ci sembra di essere condannati a vivere da soli senza più contatti umani perché pericolosi!

Ma noi cristiani cosa possiamo dire? Certo lo smarrimento è tanto, ma che occasione può essere per noi questa situazione così complicata e non “governabile”?
L’unica cosa che possiamo dire è questa: non abbiamo altro che Cristo, Lui crocifisso e risorto!
Dire Cristo vuol dire professare la fede nell’uomo-Dio che ha vinto la morte. Quindi se non recuperiamo la dimensione di eternità in cui la nostra vita è stata inserita con il Battesimo, mai potremo trovare risposta consolante a questo dramma. In Gesù siamo stati creati non per la morte ma per vivere come Dio, vivere la sua stessa vita eterna… forse però non ci abbiamo più pensato perché ci siamo illusi che il nostro paradiso fosse qui, che la nostra vita trovasse il suo senso solo nel vivere frenetico del quotidiano.
In ciascuno di noi c’è un barlume di infinito perché siamo fatti ad immagine di Dio e questa sete di infinito trova risposta nella vita eterna che Dio ci ha donato con il Battesimo e che dopo la morte trova il suo compimento. Possiamo avere paura della sofferenza ma non della morte perché questa è la nostra Pasqua cioè il passaggio a quella vita vera che in Gesù ci è stata ri-donata. Oggi più che mai diventa realtà che dobbiamo guardare in faccia altrimenti restiamo muti davanti al dramma della morte.
La domanda di senso della vita per noi credenti trova la sua risposta in Gesù Cristo, non è una risposta astratta ma la promessa che Lui ci ha fatto:“Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà… (Gv 11, 1-45)
Perdere l’orizzonte ultimo della nostra storia umana è perdere il senso del perché siamo al mondo, da dove veniamo e dove stiamo andando e questo ci butta nello smarrimento più totale.

Questa speranza non può venire meno e non ci deve chiudere in noi stessi pensando che tutto sia finito. In Cristo Gesù morto e risposto ancora tutto ricomincia!
Provare smarrimento e paura di fronte al dolore e alla morte è normale, direi scontato. Chi di noi non lo prova? Ma noi credenti non posiamo fermarci lì abbiamo un annuncio da dare, una luce nelle tenebre da indicare: “Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui”(Lc 20,38).

don Luciano

 

 

PRIMO PIANO

Il “Giro” a Cernusco...

Che emozioni!

Quattro domande sul Giro a Ermanno Zacchetti, Sindaco di Cernusco

Correva l’anno 1998...

Fascino e emozioni che durano da oltre 20 anni

La “Ciclistica Tino Gadda”, tra storia e emozioni

A Cernusco… in bicicletta!

Se pedali ti permetti una fetta di torta in più

Una vera scuola di vita!

“Una vera meraviglia”... non solo nei numeri

“Andiamo noi in testa, che tra un po’ schiatti”

Oratorio e biciclette

Ciclopellegrinaggio... una esperienza contagiosa

Nel ricordo di Gino Bartali e della Resistenza locale...

Tutti insieme con un fine comune: in bicicletta anche per la Giornata Missionaria

 

 

 

COMUNITA’ PASTORALE

50° di ordinazione di don Sandro Spinelli

               Lo stupore di una fede semplice in una comunità di amici

               Grazie don Sandro, prete da cinquant’anni, missionario da sempre!

Una preziosa guida spirituale per molti – Il saluto aò diacono Dario Gellera

Consiglio Pastorale: Speriamo di continuare, disposizioni permettendo

Caritas c’è!

Benedizioni Natalizie: che faremo quest’anno?

Prime Comunioni e Cresime nella nostra Comunità pastorale

               L’incontro con Gesù

               Sempre connessi con Gesù

Gruppi di ascolto: La sapienza di Dio ispira la felicità

A san Giuseppe Lavoratore i gruppi insieme in ascolto dell’Arcivescovo

È tempo di… Aggiungi un Posto a Tavola!

               Gruppo verde: “Il bene porti bene”

               Gruppo arancione: Prendiamoci il “giusto tempo”

               Gruppo fucsia: “Scelta dopo scelta”

               Gruppo marrone: L’intimità nella coppia

Siamo invitati a iniziare quest’anno con sapienza: la catechesi per adulti

 

 

 

 

PASTORALE GIOVANILE

                Don Andrea: Nasciamo tutti originali, molti muoiono fotocopie

Giornata Missionaria: Ecco manda me

Redditio Symboli: “Partirono senza indugio”

Centro Sportivo: Ci risiamo!

Scout: Il challenge del noviziato Neatendita

 

LA CITTA’

Ambiente e sostenibilità per un futuro migliore del territorio

“Immuni” un termine di quotidiana attualità

Insegnare non basta! Marco Erba presenta il suo ultimo libro in Agorà

“Il Gelso d’Oro”: un’edizione storica, verso la normalità

Newman: un santo per l’uomo di oggi

 

Senza scordare le rubriche: il Diario, il Taccuino, la programmazione di Agorà, le Farmacie di turno, le Necrologie, tutti gli orari delle celebrazioni e degli uffici parrocchiali, l’anagrafe, anche “corposa”, di ciascuna parrocchia...

 

VOCE AMICA”, al suo 95esimo anno di vita, è il mensile cattolico della Comunità pastorale “Famiglia di Nazaret”: chi non lo riceve direttamente a casa, lo può trovare in fondo alle chiese parrocchiali cittadine o in Libreria del Naviglio (via Marcelline 39).

 

Il numero di novembre 2020 è in distribuzione da sabato 7 novembre

Il prossimo numero sarà in distribuzione da sabato 5 dicembre 2020

Non perderti un numero

Numeri precedenti