Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

MERCOLEDI’ 1 MAGGIO, FESTA PATRONALE DI S. GIUSEPPE LAVORATORE   

DON SANDRO SPINELLI CITTADINO ONORARIO DI TERESINA   

SABATO 6 APRILE, "PORTE APERTE" IN BOUTIQUE!   

Estate a Bolbeno, prenotazioni dal 18 marzo   

FIERA DI SAN GIUSEPPE. SI MANGIA IN ORATORIO!   

PROFESSIONE PERPETUA NELL´ORDINE AGOSTINIANO DEL CERNUSCHESE P. GENNARO LIONE   

EMERGENZA TERRA SANTA - Un appello di Caritas   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, LA PROPOSTA 2023/24   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, LA PROPOSTA 2023/24   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, PROGRAMMA 2022/23   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

ISCRIZIONI ORATORIO ESTIVO 2024   

SETTIMANA SANTA 2024 A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

QUARESIMA 2024   

PREGA, CONFIDA E SPERA. 100° DALL APPARIZIONE DELLA B.V. MARIA A CERNUSCO   

Santuario, approvato il recupero dei decori nascosti per anni    

Don Luciano, Aprile. Come possiamo vivere la Pasqua nella nostra vita quotidiana?   

DON LUCIANO, MARZO. LA QUARESIMA CI PROPONE UN PERCORSO INTERIORE DI CONVERSIONE   

DON LUCIANO, FEBBRAIO: Oggi, dopo 100 anni, la Madonna ci parla ancora   

Don Luciano, gennaio. La fede in Dio torni ad essere centrale nella nostra vita   

Lunedì 15 Aprile

Don Luciano. Aprile: A noi è dato il principio di una gioia senza fine

Carissimi,

con la Pasqua e il tempo pasquale siamo nel cuore dell’anno liturgico, da qui prende senso e avvio tutta la nostra vita cristiana e la liturgia della Chiesa. Mi sembra che proprio questo debba essere pure il centro della nostra riflessione anche in questo momento storico non facile.
Nella preghiera del Prefazio del martedì in Albis (la settimana successiva alla Pasqua) si dice: «L’umanità risorge, nasce la vita eterna, e a noi è dato il principio di una gioia senza fine». Qui viene descritto esattamente il dono che Gesù risorto porta con sé: in tutte le circostanze, anche le più dure e drammatiche, e in tutti i rapporti, anche i più difficili e ostili, è possibile intravedere la luce della risurrezione che già trasfigura le tenebre opache del male.
Se noi cristiani non partiamo da questa convinzione, che cioè la risurrezione di Gesù tutto illumina e trasforma, non abbiamo niente da dire al mondo in nessun tempo della storia. Invece, proprio questo la Chiesa annuncia da duemila anni: Gesù è risorto!
La risurrezione di Gesù Cristo è da secoli nelle nostre terre sorgente di speranza, non è il passato. Ancora adesso, proprio perché è vivo, siamo affidati al Signore misericordioso che non cessa di accompagnare tutti e ciascuno verso il pieno riscatto.
Per vedere questo però la risurrezione chiede il tempo della storia perché domanda la libertà di ciascuno di noi. I suoi frutti sono come le gemme di primavera, temono solo le improvvise gelate del nostro cuore.
Dalla misericordia, che è Gesù stesso, sgorga la speranza: «O uomini … che paura avevate di morire? Ecco, muoio io; ecco, patisco io; ecco, quel che temevate non temetelo più, perché io vi faccio vedere quel che dovete sperare» (Agostino, Sermo 229).
Papa Francesco, dall’inizio del suo ministero petrino, non si stanca di richiamarcelo: «Noi seguiamo Gesù, ma soprattutto sappiamo che Lui ci accompagna e ci carica sulle sue spalle: qui sta la nostra gioia, la speranza che dobbiamo portare nel mondo. E, per favore, non lasciatevi rubare la speranza! Non lasciate rubare la speranza! Quella che ci dà Gesù» (Omelia della Domenica delle Palme, 24 marzo 2013).
Il momento che stiamo vivendo, seppur lascia alle spalle la brutta esperienza della pandemia, ci fa sperimentare tante altre “pandemie” che attanagliano il nostro cuore: una fra tutte la guerra!
Se però vogliamo ritrovare la speranza, dobbiamo partire dal presupposto che l’identificazione del Risorto, come a Maria Maddalena così anche a noi, chiede un cambiamento: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli» (Gv 20,17). Non si può riconoscere il Risorto senza cambiare.
Non possiamo solo lamentarci che ci sono le guerre, che le cose vanno male, che l’ambiente è inquinato ecc… il cambiamento deve partire da me adesso, oggi e non domani!
L’annuncio pasquale possa davvero aiutarci a generare pace in noi e attorno a noi per mettere in atto un reale cambiamento che ci permette di mostrare Cristo Gesù come unica possibilità di rinnovare la nostra speranza e farci sperimentare la gioia di saper vivere una vita che non va verso la fine ma verso il suo compimento.

Buona Pasqua!

don Luciano