Ultime notizie :

L’Università Cattolica del Sacro Cuore compie 100 anni    

Febbraio 2001 - 2021. Buon 20° Compleanno, CernuscoInsieme!   

EMERGENZA EDUCAZIONE: LA SFIDA DELLA CRISI   

“Tra cielo e terra” – Le Icone di Rostov - Calendario 2021 di Russia Cristiana   

SAN GIUSEPPE, UN PADRE – Venerdì 23 aprile 2021 ore 21 - Canale Youtube CCCandia   

CHIUDE LA “SAN VINCENZO”, APRE LA “BOTTEGA DELLA SOLIDARIETA’”    

S. ROSARIO NEL MESE DI MAGGIO   

BUON VIAGGIO, PADRE EFREM   

SANTA MARIA: DOVE È NATA LA COMUNITÀ CRISTIANA A CERNUSCO   

Buona Pasqua!   

BRESSAN: «DIETRO IL FONDO SAN GIUSEPPE UNA RETE DI FIDUCIA E SOLIDARIETÀ»   

PROGETTI SPECIALI PER IL CENTRO SANT’AMBROGIO   

PROGETTI SPECIALI PER IL CENTRO SANT’AMBROGIO   

GIORNATA DELLA MEMORIA: Medaglia d’Onore alla Memoria ai cernuschesi Mario Balconi e Adelchi Lanterna    

Lo STUDIO POINT continua   

Winter Party Special Edition 2020   

“Pastorale Samaritana": i nostri giovani in prima linea nell’aiuto del prossimo si raccontano   

Don Luciano: La Risurrezione di Gesù è esattamente il cuore della nostra fede   

PALME E SETTIMANA SANTA. ORARI E INDICAZIONI   

19 Marzo 2021 - Inizio Anno Pastorale “Famiglia Amoris Laetitia”   

NON VIVIAMO UNA FEDE A METÀ, RICEVENDO SENZA DARE   

Domenica delle Palme - 28 marzo 2021   

Domenica 21 marzo 2021 - V Domenica di Quaresima   

Domenica 14 marzo 2021 - IV Domenica di Quaresima   

Domenica 7 marzo 2021 - III Domenica di Quaresima   

Mercoledì 21 Aprile

MARZO: San Giuseppe, l’uomo che passa inosservato...

Carissimi,
il mese di Marzo oltre che farci vivere il tempo forte della Quaresima per prepararci alla Pasqua mette davanti al nostro sguardo la grande figura di San Giuseppe.

La festa di san Giuseppe del 19 marzo quest’anno assume un rilievo del tutto particolare perché si inserisce nell’anno che il Papa ha dedicato a questa figura evangelica: dall’ 8 dicembre 2020 fino all’ 8 dicembre 2021.

Papa Francesco scrive così nella lettera “Patris corde”:
“Tutti e quattro gli evangelisti dicono che Gesù era “il figlio di Giuseppe”. Dopo 150 anni della sua dichiarazione quale Patrono della Chiesa Cattolica voluta l’8 dicembre 1870 dal Papa S. Pio IX voglio condividere con tutti voi alcune riflessioni personali su questa straordinaria figura tanto vicina alla nostra condizione umana… Voglio pensare a tutte quelle figure che in maniera nascosta e silenziosa soprattutto in questo anno di pandemia hanno esercitato una paternità esemplare nei confronti di altri e queste persone nel silenzio stanno scrivendo gli avvenimenti decisivi della nostra storia: medici, infermieri/e, addetti dei supermercati, addetti alle pulizie, badanti, trasportatori, forze dell’ordine, volontari, sacerdoti, religiosi e tanti altri che hanno compreso che non ci si salva da soli… Tutti possono trovare in San Giuseppe, l’uomo che passa inosservato, l’uomo della presenza quotidiana, discreta e nascosta, un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà. San Giuseppe ci ricorda che tutti coloro che stanno apparentemente nascosti o in “seconda fila” hanno un protagonismo senza pari nella storia della salvezza. A tutti loro va una parola di riconoscimento e di gratitudine”.
Avremo modo di tornare sullo scritto del Papa e di vivere quest’ anno intorno alla bella figura di San Giuseppe. Oggi però vogliamo invocarlo perché abbiamo tutti bisogno di un’autentica paternità. Ciascuno di noi ha un padre ed è chiamato a sua volta a vivere in qualche modo una forma di paternità, questo è davvero decisivo e necessario nella nostra società che, come dice il Papa: “ha bisogno di padri”!
Credo che per essere un buon padre non c’è bisogno di essere un super uomo, né un genio; un buon padre si sforza di comprendere i propri figli, gli resta accanto e gli fornisce delle regole attraverso un dialogo sincero. Soprattutto rispetta la personalità del figlio, i suoi bisogni, i desideri, senza bisogno di plasmarlo a propria immagine e somiglianza. Aiutiamo i nostri papà ad essere così, sono convinto che lo vogliono e lo desiderano.
Forse è importante che nelle nostre famiglie di fronte ad un figlio che cresce, le madri siano un po' meno ‘figlio-centriche’ e facciano il possibile per favorire il rapporto tra padre e figlio e che i padri prendano coraggio e si coinvolgano in un rapporto sinceroattraverso regole chiare.
Abbiamo bisogno di padri che propongano ai giovani la bellezza di “sognare” in grande una vita ricca di significato facendo emergere il meglio di sé e non il culto narcisistico di se stessi. Occorre proporre valori forti e motivazioni fondate, dialogate e accompagnate da esemplarità discrete ma evidenti; altrimenti le critiche ai giovani sono ipocrisia e moralismo.
Questo tempo di pandemia ci offre tante sfide importanti su cui ingaggiare un confronto educativo: la sfida dei limiti, della routine e della noia, del silenzio e della solitudine, della deprivazione e delle asperità, delle sofferenze del lutto. Le sfide si affrontano perché possano aiutarci a crescere altrimenti restiamo chiusi nel risentimento di non farcela e quindi cadiamo nella lamentela deprimente e sterile.
L’intercessione di San Giuseppe ci aiuti a vivere in pienezza il compito della paternità per saper aiutare sempre più e sempre meglio quella vita che è generata e affidata anche alla nostra cura, ciascuno per la sua parte.
San Giuseppe, prega per noi!
don Luciano

Per vivere insieme l’anno di San Giuseppe:

L’aver dedicato un anno alla figura di San Giuseppe per noi assume un significato doppiamente importante perché a S. Giuseppe con Gesù e Maria è dedicata la nostra Comunità pastorale “Famiglia di Nazaret”.
Il modo migliore per celebrare la figura di un Santo è legarlo al mistero di Cristo dal quale la sua santità trae senso e orientamento. Pertanto, nell’Eucarestia rinnovando il mistero pasquale di Gesù morto e risorto sentiamo vicini coloro che contemplano la sua gloria (Gv 17,24).
San Giuseppe è certamente fra i primi ad aver contemplato la gloria di Dio perciò a partire dal prossimo 19 marzo celebreremo ogni 19 del mese fino a novembre una Santa Messa votiva nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore al mattino presto perché l’Eucarestia possa orientare tutta la nostra giornata.
Inoltre nel pomeriggio del medesimo giorno 19 il S. Rosario in chiesa prepositurale perché con lo sguardo di Maria possiamo contemplare meglio la vita di Gesù “il figlio di Giuseppe”.

Questo il programma:

Ore 06.30 S. Messa votiva di S. Giuseppe nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore
Ore 15.30 S. Rosario in chiesa prepositurale
Queste le date fissate:

 

1. Venerdì 19 Marzo Solennità di San Giuseppe
2. Lunedì 19 Aprile
3. Mercoledì 19 Maggio
4. Sabato 19 Giugno
5. Lunedì 19 Luglio
6. Giovedì 19 agosto
7. Lunedì 20 Settembre
8. Martedì 19 Ottobre
9. Venerdì 19 Novembre