Ultime notizie :

ORARI SANTE MESSE A CERNUSCO SUL NAVIGLIO   

CORO PER LA PACE - Serata di canti dell´antica tradizione slava dedicati alla Vergine Maria   

MAGGIO, MESE MARIANO   

Iscrizione online all’Oratorio Estivo   

Santuario, completata la barriera contro l’umidità    

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, SECONDO INCONTRO   

AVVENTO, le proposte   

GMG LISBONA. Aperte le iscrizioni.   

PREVENIAMO LE TRUFFE, I CARABINIERI INCONTRANO GLI ANZIANI   

Santa Maria: Procedono all’interno i lavori di isolamento e rinforzo delle strutture murarie    

Santuario, invitati alla generosità anche in tempi non facili   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA... ISCRIZIONI APERTE!   

Ora et Labora - Anche quest’anno in Oasi l’incontro dedicato a quanti nella Comunità pastorale svolgono un servizio per la coppia.    

“QUANDO UNO HA PAURA, INVECE CHE FARE IL SINDACO È MEGLIO CHE FACCIA UN ALTRO MESTIERE”   

PROGETTI SPECIALI PER IL CENTRO SANT’AMBROGIO   

Il Carro di Babbo Natale   

DOMENICA 6/11, INAUGURAZIONE DELLA BOUTIQUE DELLA SOLIDARIETÀ   

Iscrizioni al catechismo 2022/23   

Aggiungi un posto a Tavola 2022/2023: Abitare la Terra guardando il Cielo   

“Santa Maria”, patrimonio di tutti   

Novembre, nel 60° anniversario dell´inizio del Concilio Ecumenico Vaticano II   

DON LUCIANO, OTTOBRE: Essere profeta, testimone e missionario del Signore!   

Don Luciano. Settembre, si riparte. Buon cammino!   

Domenica 15 maggio 2022 - IV Settimana di Pasqua   

Martedì 29 Novembre

I POVERI E IL PESO DELLE NOSTRE SCELTE. MA LA MISERIA NON È PER CASO

«Giornata mondiale dei poveri» è chiamata la domenica che quattro anni fa fu istituita da papa Francesco per richiamare l’attenzione dei cristiani alla cura dei poveri. Non è, quindi, un’attenzione che si concentra su un concetto astratto – come potrebbe essere una "giornata per la povertà" – ma che si interfaccia coi volti reali dei poveri, quelli antichi e quelli nuovi, quelli degli affamati e i senzatetto che sono stati sempre con noi e quelli che sono spuntati, numerosi, in questo tempo di pandemia e si indovinano dietro le serrande abbassate, i negozi chiusi, i tavolini dei bar deserti. «Nella tristezza che vediamo anche qui, nel centro di Roma» come ha detto l’arcivescovo Fisichella, dando presentazione del Messaggio del Papa per la Quarta Giornata mondiale dei poveri. Essa si celebra nella domenica che precede la solennità di Cristo Re, una data che potrebbe sembrare inappropriata per una liturgia dedicata ai poveri: la figura del Cristo che risplende in tutta la sua ricchezza, in vesti bianchissime, nella gloria del Regno dei cieli sembra a una distanza polare dai volti dei poveri, dalle buie alcove dove vanno a rintanarsi, dai loro stracci impresentabili, dalle loro pene e dalle loro vergogne. Ma l’estro evangelico ha fatto dei poveri i titolari del Regno dei Cieli: «Beati i poveri in spirito perché di essi è il regno dei Cieli», ha osato dire Gesù all’inizio della sua vita pubblica e il papa Francesco ha còlto appieno quell’audacia.

Non c’è fede biblica, non c’è Dio dei cristiani né concezione del mondo e dell’umano senza l’inclusione degli altri, senza la percezione che sulla terra siamo un unico corpo formato da tante membra e nessuna può essere espunta senza che l’intero organismo ne risenta. «Tendi la tua mano al povero»: così comincia il Messaggio del Papa, con una citazione dal libro del Siracide (7,32) che spiega icasticamente l’anima intera della premura della Chiesa per i poveri, dell’urgenza evangelica verso di loro e del dovere morale di non dimenticarsene mai. Perché quello dei poveri non è un tema a sé stante che potrebbe saper di retorica; i "poveri" sono quegli occhi, quelle esperienze umane, quei mucchi di vita negata e quelle rughe di inciviltà che rivelano il modo in cui tutti noi, famiglie, comunità, popoli e nazioni, viviamo le nostre relazioni, scriviamo regole e leggi, stabiliamo diritti e doveri. I poveri sono lo specchio dei nostri stili di vita, di tutto ciò che facciamo con le mani.

Continua a leggere su Avvenire.it

Rosanna Virgili per Avvenire